Torna "Mestre in centro" Eventi fino a ottobre

di Mitia Chiarin Dopo un luglio e un inizio d'agosto all'insegna del centro vuoto, con zero iniziative di intrattenimento e tanti cantieri aperti che proseguono tra piazzetta Matteotti, via Rosa e galleria Barcella, la fine di agosto vede il ritorno del contenitore mestrino che fino ad ottobre porterà ogni giorno in centro eventi, presentazioni di libri, spettacoli e tre fiere, quella di "Altro Futuro", la fiera di San Michele per festeggiare il patrono a fine settembre e "Mestre Europa". Sabato 30 agosto prende il via, infatti, la terza edizione di "Mestre in Centro", il programma di eventi che hanno ammodernato il tradizionale settembre mestrino in occasione della ricorrenza del Patrono, San Michele Arcangelo. Per cinquantanove giorni, fino al 27 ottobre, il centro di Mestre diventa uno "spazio eventi" all'aperto che ospitea fiere, mercati, musica, incontri. Uno stop è previsto solo ai primi di settembre per lasciare il centro all'edizione 2014 del Festival della Politica. Ieri le prime anticipazioni dal Comune. Il cartellone pensato dallo staff dell'ufficio dell'ex vicesindaco Simionato ha il sostegno economico garantito dagli sponsor e dalle categorie cittadine: 80 mila euro anche quest'anno. In una stagione di tagli anche al settore Cultura in terraferma, con la preoccupazione per il futuro di Toniolo e Candiani, regge almeno il contenitore mestrino. Ad inaugurarlo il 30 agosto sarà la Banda Osiris, con un doppio appuntamento: alle 18, in piazzetta Pellicani, i quattro musicisti presenteranno il libro "Le dolenti note. Il mestiere del musicista: se lo conosci lo eviti"; alle 21 in via Palazzo, la Banda presenterà lo spettacolo gratuito tratto dallo stesso libro. Dal giorno successivo via agli incontri con scrittrici e scrittori, che si susseguiranno fino al 27 ottobre, quasi uno al giorno, in piazzetta Pellicani. Nel programma se ne contano in pratica una cinquantin. Lo scorso anno gli autori erano stati 37 con 8 mila presenze contate dall'ufficio del Comune e il picco di 700 persone a sentire Philippe Daverio. Il 31 agosto arriva un altro critico, stavolta letterario. Si tratta di Piero Dolfles; il 1 settembre l'ospite sarà il grande Gianni Mura; il 2 interverrà il direttore di Famiglia Cristiana Don Antonio Sciortino; il 3 Chiara Valerio e il 4 settembre toccherà a Manuel De Sica, reduce dalla Mostra del Cinema di Venezia, dove presenta il film del padre "Umberto D", restaurato per l'occasione. Venerdì 5 settembre c'è Flavio Caroli; sabato 6 settembre Valerio Massimo Manfredi e domenica Marco Imarisio, inviato del Corriere della Sera. «Si tratta di un piccolo anticipo», ha detto il sub-commissario Sergio Pomponio, «del corposo programma che presenteremo nelle prossime settimane. Per due mesi Mestre sarà al centro di incontri, dibattiti e di iniziative socio-culturali, in grado di coinvolgere non solo i mestrini, ma anche i cittadini di tutta la provincia. Mestre in Centro con le sue proposte ampie e articolate, popolari e colte, con un'offerta attenta a tutte le età dimostra come la città sia vitale e si proponga sempre di più come un'area perno nel futuro assetto metropolitano». ©RIPRODUZIONE RISERVATA