Via Barbiero perderà i tigli Per i tecnici sono tutti malati

MOGLIANO Vale la pena di stampare nella memoria, con gli ultimi sguardi, la scenografica prospettiva dei tigli di via Barbiero, perché tra pochi giorni quel tunnel verde sarà solo un lontano ricordo. Saranno tutti abbattuti. La decisione è presa e, per la prima volta, è anche sostanzialmente unanime. Giovedì sera al centro sociale di Mogliano l'amministrazione ha incontrato la cittadinanza, le associazioni e i residenti del suggestivo viale compreso tra via Verdi e il Terraglio. Si è discusso sullo stato di salute degli alberi e sulla progettazione condivisa del nuovo arredo urbano che interesserà il tratto in questione. Come largamente atteso, in molti hanno risposto all'appello. All'incontro, largamente partecipato, non hanno fatto mancare i loro interventi anche il perito Luigi Strazzabosco e il comandante provinciale della guardia Forestale Franco Lattanzio. Lo stato di salute degli storici tigli è assai preoccupante. «Dopo l'episodio dei giorni scorsi», ha spiegato l'assessore all'ambiente Oscar Mancini «abbiamo commissionato un aggiornamento dell'ultima perizia che risaliva al 2010. Il quadro è ulteriormente peggiorato: su 21 ulteriori carotaggi, sono ben 14 gli alberi peggiorati. Non c'è più niente da fare». «L'abbattimento dei tigli», recita la nota del Comune, «è previsto nei prossimi giorni e la messa in sicurezza del tratto sarà coadiuvata dalla collaborazione della Polizia Locale; ne verrà data ampia successiva informazione ai cittadini, soprattutto ai cittadini residenti». Giovedì sera era l'assessore ai lavori pubblici Giovanni Scognamiglio ha illustrato sei diverse ipotesi progettuali per la riqualificazione del tratto. Quella migliore sarà scelta attraverso un percorso partecipato. «Cittadini e associazioni sono invitati a far pervenire proposte, idee e suggerimenti entro il prossimo 30 settembre», ha detto il sindaco Carola Arena. Matteo Marcon ©RIPRODUZIONE RISERVATA