Senza biglietto in autobus aggredisce il controllore

di Rosario Padovano wPORTOGRUARO Un 18enne di origini marocchine residente a San Stino, Z.E.M., è stato arrestato con l'accusa di lesioni dopo aver picchiato il controllore dell'autobus su cui stava viaggiando. Il giovane era sprovvisto di titolo di viaggio. Con lui c'erano altri due amici, che si sono dileguati. Il fatto è accaduto ieri mattina alle 7.30 in via Armando Diaz, quando il pullman delle linee Atvo aveva già raggiunto il nuovo terminal. Il 18enne è stato prelevato dai carabinieri del nucleo radiomobile di Portogruaro, intervenuti sul posto, mentre i compagni di viaggio sono riusciti a fuggire prima dell'arrivo dei militari. Sentito il parere del pubblico ministero di turno della Procura di Pordenone, gli stessi militari dell'Arma hanno "tradotto" il 18enne nella sua abitazione sanstinese, a disposizione della magistratura che entro breve fisserà l'udienza di convalida dell'arresto. Il controllore aggredito, residente in zona, è stato medicato al pronto soccorso del nosocomio portogruarese e quindi dimesso con una prognosi di 7 giorni. Secondo quanto sono riusciti a ricostruire i militari della gazzella dell'Arma, i tre amici sono saliti a San Stino su un autobus proveniente da San Donà e diretto a Portogruaro. Il viaggio stava proseguendo tranquillamente. Durante il tragitto è salito il controllore, che ha chiesto il biglietto a tutti i passeggeri. Si trattava di un controllo di routine, di quelli che si eseguono regolarmente sui mezzi pubblici. Proprio quando l'autobus stava per raggiungere il terminal di Portogruaro, il controllore ha chiesto ai tre giovani di esibire il permesso di viaggio obliterato, come da regolamento. I tre però non avevano il biglietto. A quel punto il controllore stava per redigere il verbale, ma non ha fatto in tempo a compilarlo che come una furia gli si è avventato contro il ragazzo. Il 18enne ha picchiato il controllore, investito da una gragnuola di calci e pugni. Nel frattempo, approfittando del fatto che le portiere dell'autobus si erano aperte per l'arrivo al terminal portogruarese, i due amici dell'aggressore sono scesi, dileguandosi tra la gente del terminal. Anche per loro si stava mettendo male, poiché poco dopo l'arrivo dell'autobus è sopraggiunta la gazzella dei carabinieri. I militari hanno quindi portato via il 18enne e infine, dopo le formalità di rito e acquisito il parere del magistrato, lo hanno portato a casa, dove si trova attualmente ristretto. Il controllore, dopo le cure al pronto soccorso, è stato dimesso. ©RIPRODUZIONE RISERVATA