Senza Titolo

VENEZIA Dopo oltre 10 anni di approfondimenti tecnici e amministrativi e di studio di progetti alternativi, si è finalmente individuata una soluzione condivisa e fattibile per la risoluzione dell'attraversamento della città di Vicenza con la linea ferroviaria ad Alta velocità -Alta capacità della linea Verona-Padova. Al ministero delle Infrastrutture, alla presenza del ministro delle Infrastrutture e trasporti Maurizio Lupi, è stato sottoscritto un protocollo d'intesa tra Ministero, Regione del Veneto, Comune di Vicenza, Camera di Commercio e Rfi. La soluzione concordata consente l'attraversamento del centro di Vicenza senza il ricorso a gallerie profonde, a suo tempo ipotizzate; viene prevista una nuova stazione ferroviaria per Av-Ac a Vicenza Ovest, una nuova fermata ferroviaria nei pressi del Tribunale per le linee Sfmr, e il collegamento tra il centro di Vicenza e i nuovi terminal. Le opere previste consentiranno inoltre un riordino urbanistico, la ricucitura tra la città e il quartiere Ferrovieri, oggi divisi dalla linea ferroviaria, nonchè il conseguimento della sicurezza idraulica delle aree interessate. Il prossimo obiettivo è fissato tra quattro mesi con l'avvio delle procedure di approvazione del progetto complessivo. «La firma è un grandissimo risultato, che finalmente sgombra la strada al potenziamento del sistema ferroviario italiano lungo la direttrice Est - Ovest», è il commento del presidente del Veneto, Luca Zaia. «C'è grande soddisfazione per una firma che rappresenta un passaggio storico per la città ed il territorio provinciale - commenta il sindaco di Vicenza, Variati -. Un risultato ottenuto grazie ad un gioco di squadra che ha visto protagonisti il Comune e le categorie economiche che insieme hanno elaborato lo studio preliminare, e la Regione del Veneto con la quale c'è stata una grande collaborazione».