Era senza patente il trentenne morto lunedì a Bibione

BIBIONE Clamorosa svolta nell'inchiesta sulla morte di Francesco Dessì, l'allevatore di cani labrador morto a 30 anni lunedì sera in un incidente stradale affrontando la rotatoria di Bevazzana. L'uomo da due anni era senza patente. Non poteva guidare la Fiat Punto di proprietà della moglie con la quale si è schiantato ed è morto contro un segnale stradale, procurando gravi lesioni alla figlie di 5 anni che è ancora ricoverata a Padova. L'ultima volta a Dessì la patente l'avevano ritirata per guida in stato di ebbrezza. La notizia è stata ieri confermata dalla procura di Pordenone, competente per il territorio. Per questa ragione sarà sanzionata per incauto affidamento dell'auto, su decisione del pm pordenonese Federico Facchin, Paola Marcolin, la moglie della vittima rimasta ferita assieme alla figlioletta di 5 anni nel medesimo incidente. La donna non finirà in carcere (il reato è stato depenalizzato) ma dovrà pagare una sanzione amministrativa partendo da un minimo di 41 a un massimo di 168 euro. I carabinieri di Bibione hanno riferito tutto alla magistratura che poi, valutato il caso, ha deciso di sanzionare la moglie. Paola Marcolin non poteva essere all'oscuro di tutto. Questa la tesi del pubblico ministero. Secondo il rapporto dei militari dell'Arma bibionesi la Fiat Punto grigia guidata dall'uomo al momento dell'incidente, è di proprietà della moglie. Che quel giorno l'ha data in prestito al marito che, per legge, non poteva guidare. Poi l'incidente mortale. Alle porte di Bibione, la cui dinamica no è ancora del tutto chiarita. Percorrendo un tratto di strada contromano Dessì ha sterzato di colpo, cercando la posizione corretta. Una manovra giudicata azzardata, che infatti è risultata deleteria per sè stesso,ma anche per la sua famiglia. Paola Marcolin e la figlia sono state ricoverate rispettivamente all'ospedale di Portogruaro e a quello di Padova, dove la piccola di 5 anni è giunta con l'elisoccorso. Sulla salma di Francesco Dessì non verrà eseguita l'autopsia. Il nulla osta è stato rilasciato ieri pomeriggio, ma la data dei funerali non è stata ancora fissata. Rosario Padovano ©RIPRODUZIONE RISERVATA