La "Bau Bau Beach" convenzionata con molti alberghi

CAORLE Cani in spiaggia a Caorle: sì, ma solo a passeggio sulla battigia. Francesco Leserri con Zoe (Milano): «Quest'anno abbiamo scelto Caorle come meta per le nostre vacanze proprio perché la spiaggia prevede una zona dedicata ai cani: la Bau Beach e il nostro albergo è convenzionato con lo stabilimento». Maria Cristina Andreola (Treviso) e Miriam Bortuzzo (Pordenone): «Siamo contrarie alla nuova ordinanza: i cani rispondono all'istinto e per quanto ben addestrati una qualsiasi distrazione può dar vita a reazioni come quella avvenuta a Jesolo. Inoltre è una questione igienica. Il cane, in qualsiasi momento, può urinare sull'acqua o sulla sabbia». Pierluigi Marchi e Emanuela Righetto (Verona): «Abbiamo visto parecchi cani passeggiare sull'arenile, siamo favorevoli a una zona dedicata in cui farli sostare: noi, purtroppo, abbiamo dovuto lasciarli in una pensione. Sono i proprietari a dover stare attenti al proprio animale e munirsi eventualmente di museruola». Heidy Furlanis, allbergatrice dell'Hotel Janeiro: «Noi accettiamo animali nel nostro albergo e promuoviamo la Bau Beach. Il divieto di accesso ai cani sull'arenile ha spesso infastidito i nostri clienti perciò adesso questa novità è stata accolta positivamente. Ovviamente non tutti i cani possono essere portati in spiaggia, dipende dal loro carattere, è il proprietario a doverlo stabilire. Devono essere abituati al contatto quotidiano con gli estranei e ai rumori. Sono più che favorevole all'ordinanza». Fabio Bortoluz, giornalaio: «Permettere ai cani, con guinzaglio, di passeggiare sulla battigia è un servizio in più. Sono io stesso a informare i turisti sulla nuova ordinanza. I problemi sono altri: spesso mi ritrovo a dover raccogliere le deiezioni dei cani attorno al mio bazar sul lungomare». Gemma Canzoneri