Studente di 23 anni candidato sindaco per la lista "Fare"

MOGLIANO Uno studente come sindaco? Mattia Stagnitta a soli 23 anni è il candidato di "Fare per fermare il declino e Scelta Civica". Si è presentato ufficialmente venerdì sera l'ultimo dei nomi in lizza alle prossime elezioni amministrative. Classe 1991, Stagnitta, dopo una laurea triennale in Commercio estero a Ca' Foscari, è attualmente iscritto a Gestione delle Aziende, sempre a Venezia. Giovane sì, ma non proprio a digiuno di politica. Oltre ad aver aderito da subito al comitato locale del movimento "Fare", Stagnitta già nel 2001, a dieci anni, ricopriva il ruolo di sindaco nel consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze. Chissà che non sia un tratto premonitore: «Nella mia vita ho viaggiato tanto seguendo gli spostamenti della mia famiglia», spiega, «sono nato a Roma, poi mi sono spostato a Napoli, Catania, anche alcuni mesi a Londra e Honk Kong. Negli anni ho visto Mogliano spegnersi, come semplice luogo di passaggio che non riesce a catalizzare verso di sè nessuna energia positiva». Stagnitta, venerdì sera al Brolo ha ricevuto l'investitura ufficiale di Michele Boldrin, leader nazionale di Fare, e di Riccardo Scattaretico segretario provinciale di Scelta Civica. Tra le sue proposte: il microcredito per le attività commerciali, una città a misura di studenti, più eventi anche nelle zone degradate per garantire maggiore sicurezza. «In momenti di crisi» spiega «sono le idee e la creatività dei giovani a fare la differenza». (m.ma.) ©RIPRODUZIONE RISERVATA