Senza Titolo

di Cinzia Lucchelli I sogni son desideri. Non lo dice solo Cenerentola, anche Sigmund Freud. Secondo il padre della psicanalisi infatti quello che sogniamo rivela spesso in modo palese il carattere di appagamento di un nostro desiderio. Una finestra sul nostro inconscio. Qualcosa di personale e intimo, dunque. Eppure, nel sonno di tutti, ci sono temi ricorrenti. Da qui, dall'attività onirica, si può partire per conoscersi meglio, per avvicinarsi a quello che desideriamo nel profondo. Con una premessa: siamo responsabili di quello che sogniamo. Sogniamo tutti Bambini adulti, uomini donne: quando chiudiamo gli occhi e ci abbandoniamo tra le braccia di Morfeo sogniamo tutti. I bambini in forme più semplici. Le donne in modo differente dagli uomini: secondo una recente ricerca dell'Università di Montreal le notti di lui sono popolate da catastrofi naturali, terremoti, alluvioni; quelle di lei da relazioni complicate. Temi ricorrenti I sogni si analizzano caso per caso. Hanno più livelli di profondità e più interpretazioni. Ma ne esistono alcuni, quelli che Freud definiva "tipici", che compaiono in quasi tutti allo stesso modo e si suppone abbiano per tutti lo stesso significato. Come l'imbarazzo per la nudità, la morte di persone care, volare e cadere, essere sotto esame. E poi essere inseguiti e perdere i denti. Essere inseguiti Corri corri più forte che puoi, una falcata dietro l'altra, l'adrenalina nelle vene. Qualcuno ti sta inseguendo, ti sta raggiungendo, ti vuole assalire. Il tuo unico scopo è scappare. Uno fra i sogni più diffusi ha le fattezze di un incubo. «Sognare di essere inseguiti ad esempio da zombie o da una mantide religiosa si lega al senso di colpa inconscia: l'inseguito inconsapevolmente si sente pericoloso e giustamente punito» racconta Francesco Giglio, psicoterapeuta e psicoanalista. Non rientrano in questo caso i sogni simili fatti da chi ha subito un grave trauma. Essere nudi in pubblico Nudi o poco vestiti in presenza di estranei, con grave imbarazzo e vergogna. Ecco un altro sogno frequente. Ci si vorrebbe spostare in altro luogo e non si riesce. I sogni di nudità, dice Freud, sono sogni di esibizione, si riallacciano all'infanzia che "non conosce vergogna". Caduta dei denti Sognare di perdere denti si collega all'incontro con un limite. «Un uomo tradisce la moglie e sogna di perdere i denti – Francesco Giglio riporta un caso –. Questo sogno apre a una serie onirica attraverso la quale arriva a rivalutare il rapporto con la donna. Ha incontrato il limite, non tutto è possibile. È chiamato a scegliere cosa perdere e cosa no. Perdere i denti significa perdere qualcosa di importante». Essere esaminati Rifare la maturità, ripetere un anno di scuola, non aver superato l'esame di laurea quando in realtà già si esercita una professione. «C'è in questi sogni il timore di aver fatto qualcosa che sia oggetto di giudizio – spiega lo psicanalista – la ripresa di un essersi sentiti giudicati, certe volte associata alla masturbazione dell'infanzia». Simboli sessuali Cappelli, scale, cravatte, armi, arnesi; paesaggi con ponti o montagne boscose. Ricorrono nei sogni simboli che rinviano alla sessualità. «Anche se c'è grande apertura oggi rispetto al periodo in cui era vissuto Freud, rimane una limitazione nella vita sessuale – dice Giglio – C'è una regola fondativa di ogni civiltà umana: il divieto dell'incesto. La mamma non può giacere con il figlio, né il padre con la figlia. È posta la necessità del limite alla vita sessuale, divieto che espone l'umano alla rinuncia necessaria. Non tutto è possibile». Volare Anche il sogno di volare secondo Freud è legato alla sessualità: l'alzarsi in cielo richiama l'erezione. La borsa smarrita Così come il sogno, frequente, della donna che smarrisce la borsa o parte senza valigia. Indica la difficoltà a tenere con sé la sessualità in alcuni passaggi della propria vita. «Il desiderio – aggiunge Francesco Giglio – non è la voglia di fare tutto ciò che salta in mente, ma una spinta vitale paragonabile alla vocazione. Può accadere che la possibilità stessa di desiderare si associ al proibito. Come nel caso di una donna professionalmente impegnata che viene promossa a dirigente e sogna di partire dimenticando la valigia. Anche la sua vita sessuale a quel punto le crea difficoltà. La promozione causa qui l'incontro con il proibito. In questo caso il successo professionale la porta a superare la madre, ma questo è per lei inconsciamente intollerabile. Ecco che il desiderio realizzato inizia a ostacolarla». ©RIPRODUZIONE RISERVATA