Piccoli si nasce grandi si diventa È il festival del flauto

È il flauto lo strumento protagonista della "dieci-giorni" che il Conservatorio Benedetto Marcello si prepara a inaugurare domani quando prenderà il via il "Venice Flutefest 2014". Giunta alla sua seconda edizione, l'iniziativa mette in raccordo autori, interpreti e costruttori: in cartellone, infatti, un seminario dedicato all'ottavino tenuto da Nicola Mazzanti (docente ai Conservatori di Lucerna e Lugano), la masterclass di Mario Caroli (oggi docente a Strasburgo e Lugano) dedicata ai morceaux de concours - pezzi da diploma della stagione fine ottocentesca del Conservatorio superiore di Parigi - e un incontro tra costruttori e riparatori (ospiti Andrea e Davide Scala di Musicadoc-Imola). «Abbiamo voluto offrire un'occasione importante agli studenti dei Conservatori del Veneto ma anche ai giovani professionisti», spiega Monica Finco, coordinatrice del progetto, «che potranno seguire le lezioni e suonare alla presenza di due dei maggiori flautisti italiani, eccellenze che oggi operano in prestigiose accademie straniere. Venezia onora così la sua tradizione di cosmopolitismo, facendosi punto di raccordo di grandi esperienze internazionali». Il festival prende il via con "Piccolo si nasce, grande si diventa!", masterclass tenuta da Mazzanti (che proseguirà anche martedì 18), che, ottavinista preferito di sir James Galway, sarà anche protagonista di un concerto che presenterà alcuni brani di nuova commissione: è il caso di "Flash", di Daniel Dorf, e di "MoNìco", dedicato a Mazzanti e Finco da Vicenzo Sorrentino, giovane compositore prematuramente scomparso. E poi ancora: il workshop di Andrea e Davide Scala (18 febbraio) dedicato alla costruzione e manutenzione del flauto, e l'insolito seminario di Mario Caroli (25 febbraio) dedicato ai pezzi composti per i diplomi di flauto che, nell'aurea tradizione del Conservatorio francese da metà 800 al Dopoguerra, portavano la firma di Faurè, Jolivet, Messiaen, Casella. Infine, a suggello di questo vero e proprio osservatorio europeo acceso sull'universo flauto e i suoi derivati, il recital che lo stesso Caroli terrà nalla Sala Concerti di Palazzo Pisani assieme a Elisabetta Bòcchese (26 febbraio). Ilaria Pellanda