Oriago, rubati i soldi per le gite

DOLO È stato chiuso il Ponte dei Cavalli e transennato un tratto di argine del Naviglio Brenta nella zona del Foro Boario di Dolo. La decisione è stata presa dall'ufficio dei lavori pubblici del comune di Dolo visto che nella zona dovrebbero partire a breve dei lavori per la sistemazione delle rive del corso d'acqua a cura del Genio civile. Sull'argine è infatti già presente un mezzo escavatore mentre nel Naviglio Brenta è giunta una chiatta per lo svolgimento degli interventi. Il Ponte dei Cavalli e il suo passaggio pedonale, molto utilizzato dai cittadini dolesi per collegarsi con l'Isola Bassa, era stato chiuso precauzionalmente il 3 febbraio scorso per ragioni di sicurezza. Il ponte pedonale, causa le abbondanti piogge del periodo, era infatti stato quasi completamente sommerso dal livello dell'acqua e nella paratia si era incagliati numerosi rami di alberi e rifiuti. Il tratto di argine del Naviglio invece viene usualmente utilizzato come parcheggio da molti cittadini che si recano al vicino ospedale o per chi va al lavoro con i mezzi pubblici. (g.pir.) di Alessandro Abbadir wMIRA Ladri scatenati a Marano e Oriago, dove sono stati presi di mira campi da calcio e anche la scuola steineriana in via Bosco Piccolo a Oriago. All'asilo e alla scuola elementare steineriana sono stati rubati anche i circa 5 mila euro accantonati nei mesi scorsi per iniziative e gite scolastiche. «Per l'ennesima volta – spiega Davide Bacchin presidente del Marano Calcio – i ladri si sono accaniti contro strutture e spogliatoi dello stadio di via Salvo D'Acquisto. Nella notte hanno forzato la porta d'ingresso degli spogliatoi e appena entrato hanno razziato tutte le cibarie. Hanno anche mangiato all'interno lasciando sporco dappertutto e portando via anche attrezzi utili agli sportivi per gli allenamenti. I ladri si sono portati via anche alcuni palloni prima di allontanarsi». La razzia a Marano ha fruttato poche centinaia di euro mentre i danni causati ammontano a migliaia di euro. Dopo aver razziato il campo di Marano i ladri hanno fatto visita al campo da calcio di Oriago dove hanno ripetuto l'azione e hanno portato via oggetti per qualche centinaio di euro. È andata meglio, in termini di bottino, poco più in là, alla scuola steineriana in Riviera Bosco Piccolo. Anche la scuola che ospita oltre un centinaio di bimbi fra elementari e asilo, è stata visitata nella notte. I ladri anche in questo caso hanno forzato una porta che si trova sul retro dell'ingresso principale, ma stavolta il bottino è stato consistente. Mettendo a soqquadro le stanze i malviventi hanno trovato una piccola cassaforte dove i genitori, i bambini e le maestre avevano messo i soldi per organizzare iniziative didattiche e gite. Hanno rubato così quasi 5 mila euro lasciando ieri mattina sbigottiti personale scolastico e genitori per quanto era accaduto. Oltre ai soldi hanno rubato anche materiale didattico destinato ai bimbi, del valore di qualche migliaio di euro. La loro azione spregevole rischia di pregiudicare la continuazione dell'attività didattica dei bimbi. «È vergognoso – spiegano alcuni genitori della scuola steineriana – quello che è successo. Da qualche tempo a Mira i ladri puntano a razziare le scuole, è gente senza dignità». I carabinieri della Tenenza di Mira hanno ricevuto ieri mattina le denunce dopo le razzie della notte e cercano di capire se i colpi fatti sono collegabili alla razzia della scuola media di Gambarare fatta appena qualche giorno fa. Alessandro Abbadir ©RIPRODUZIONE RISERVATA