L'opposizione chiede le dimissioni di Curreli

SPINEA.Sette consiglieri della minoranza di Spinea hanno inviato una mozione di sfiducia al sindaco Silvano Checchin per chiedere le dimissioni di Pietro Curreli, esponente della lista civica 585 ed eletto in maggioranza. Secondo Roberto Lazzarin, Franca Zamengo, Giovanni Da Lio, Mauro Armelao, Claudio Tessari, Edmondo Piazzi e Carmelo Sebastiano Ruggeri, nel retro del volantino per pubblicizzare la Festa della Castagna di ieri, patrocinato dal Comune, tra gli sponsor della manifestazione c'è anche Radio 585 e, al suo fianco, il simbolo della lista civica che ha partecipato alle ultime elezioni comunali. «In questo modo - si legge nella mozione presentata -, la lista civica 585, espressione di un movimento politico, ottiene una visibilità ingiusta, generando l'equivoco che siano i componenti di tale movimento politico a sostenere fattivamente una iniziativa meritoria com'è una festa popolare patrocinata dal Comune di Spinea. La modalità di autocelebrazione scelta dalla lista civica 585 appare tanto più odiosa se si considera il modo subdolo con il quale è stato realizzato». Ma Curreli non ha alcuna intenzione di passare la mano e respinge le accuse. «Mi fanno tenerezza - dice il rappresentante della lista civica 585 - e non immaginavo che la sconfitta elettorale facesse perdere la bussola a qualcuno. La lista ha varie attività, tra cui la radio, e ho fatto pubblicità pagando». (a.rag.)