A scuola con la polizia provinciale

Al via da lunedi 2 novembre i controlli della Polizia provinciale davanti agli istituti superiori di Mestre, Mirano, Chioggia, S.Donà e Portogruaro. Lo annuncia la presidente della Provincia di Venezia, Francesca Zaccariotto. «Collaboreremo alla sicurezza del territorio, in forma coordinata, con le forze dell'ordine - ha detto - In questa prima fase di attuazione delle direttive concordate con il prefetto (la decisione è stata presa nel comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza del 26 ottobre a San Donà ndr) vengono interessate dal pattugliamento le zone di Mestre, Mirano, Chioggia, San Donà e Portogruaro dove insistono più istituti superiori. La sorveglianza durerà dalle 7.30 alle 8.30 del mattino, in coincidenza con l'ingresso degli studenti». A Mestre la polizia provinciale sarà presente ai licei Franchetti, Bruno, Morin e Stefanini e negli istituti professionali Foscari, Massari, Gramsci, Pacinotti, Zuccante, Gritti, Luzzatti, Edison-Volta e Mozzoni. La Zaccariotto precisa: «Nell'espletare il servizio, inoltre, il personale della Polizia provinciale compilerà una vera e propria mappatura del rischio nelle aree in prossimità di sedi scolastiche, indicando in una apposita relazione di servizio, i punti di maggior afflusso degli studenti e di maggiore criticità. In tal modo verrà preparata anche una banca dati che sarà a disposizione di altre istituzioni, a partire dalle polizie locali dei vari Comuni del territorio». I controlli davanti alle scuole seguono i pattugliamenti sulle spiagge di Jesolo e Eraclea contro il commercio abusivo che secondo la presidente «non possono che confermare l'utilità dell'operato dei nostri agenti». (m.ch.)