Chioggia, bel colpo a Jesolo

JESOLO.Il Chioggia approda agli ottavi di finale di Coppa Italia di serie D giocando a memoria il primo tempo. Lo Jesolo si aggiudica ai punti il secondo, ma a differenza dei granata segna solo una rete. La differenza sostanziale, alla fine dei conti, l'ha fatta Pierpaolo Nodari (nella foto), che nei primi 45'non solo ha segnato il gol del raddoppio ma è stato una spina nel fianco sinistro della difesa nerazzurra. Tedino rispetto alla gara di domenica cambia schieramento per 6/11, mentre il Chioggia per 7/11 è quello uscito sconfitto dalla trasferta di Vignola. Dopo neanche un minuto di gioco Lischi frana in uscita su Romero bravo ad anticipare Rodighiero, il rigore sembra netto, come confermerà a fine gara il giovane portiere livornese, ma non per l'arbitro. Al 9' Romero colpisce di testa su corner calciato da De Capua, la palla attraversa tutta la linea di porta e né Gambino e né Borriero riescono a deviare in rete da sottoporta. La risposta dello Jesolo dopo due minuti con Della Bianca che anticipa con un pallonetto l'uscita del portiere e Borriero salva sulla linea. Chioggia in vantaggio al 39': punizione dalla destra di De Capua, palla a girare per l'incornata vincente di Severgnini. I granata raddoppiano subito dopo, al 43': Nodari anticipa Lischi sulla linea di fondo dopo un lancio di Gambino e viene contrastato dal portiere che stava proteggendo la sfera. L'arbitro indica il dischetto, Lischi è strepitoso a parare il penalty calciato dallo stesso Nodari ma sulla corta respinta l'attaccante ex Virtus Vecomp è rapido a ribadire in rete. Di altro colore è la ripresa con i nerazzurri a pigiare sull'acceleratore. Al 3' Andreolla è atterrato in area da Regolini. Altro rigore e per l'attaccante nerazzurro che spiazza Tiozzo è l'ottavo gol stagionale. «Abbiamo giocato un tempo a ciascuno - spiega Bruno Tedino nel dopogara - sarebbe stato più giusto che la qualificazione si fosse decisa ai rigori». Di parere diverso invece è Alessandro Renica. «Il passaggio del turno è ampiamente meritato - dice il tecnico del Chioggia - abbiamo sofferto solo nei primi 10' della ripresa, poi siamo stati bravi a gestire il vantaggio senza rischiare».

(Thomas Maschietto)