Venezia-Este, duello tra corazzate

VENEZIA. Notte di pensieri per Paolo Favaretto. Uno in particolare, legato al recupero o meno, in extremis, di Giovanni Volpato. L'assalto al bulldozer Este, seconda della fila (16 punti) alle spalle della capolista Nuova Verolese (19), nasce con l'incognita legata al bomber padovano, anche ieri a casa con un paio di linee di febbre, ma arruolabile qualora questa mattina si risvegliasse completamente sfebbrato. Il Venezia (13 punti) ci proverà ugualmente a infilare la quinta vittoria consecutiva che implicherebbe l'aggancio ai padovani. Ultima gara alle 15, da domenica ora solare e via alle 14.30.
Numeri pirotecnici.Quattro vittorie consecutive per il Venezia, addirittura cinque per l'Este, che è in serie positiva da sei turni, uno in più degli arancioneroverdi di Favaretto, avendo perso solo nel turno inaugurale (0-1) in casa contro la matricola Porfido Albiano, ma dopo aver fallito con Fabbro un calcio di rigore. Il bomber udinese dell'Este è reduce dalla tripletta rifilata al Belluno domenica scorsa, salendo a quota 5, al fianco dei veneziani Modolo e Corazza. Venezia sempre a segno nelle prime sette gare di campionato (19 reti), ma adesso funzionano anche le chiusure difensive (un gol al passivo negli ultimi 270'), dopo aver incassato 12 gol nelle prime quattro gare. Este a segno nelle ultime sei gare (12 reti, di cui sette in una settimana tra Virtus VeComp e Belluno), difesa ermetica con appena sei gol incassati dai giallorossi.
Punti di domanda.La formazione è legata alla presenza o meno di Volpato, il quale difficilmente partirà titolare anche se non avesse più la febbre. Via libera, allora, alla coppia Ragusa-Corazza, già vista nel turno inaugurale a Montebelluna e in Coppa Italia. Vianello ha smaltito l'acciacco di venerdi e sarà regolarmente al centro della difesa insieme a Bivi con Bigoni a destra e Modolo a sinistra. Non dovesse esserci Giovanni Volpato nell'undici di partenza il ballottaggio per il sesto senior sarà tra Lotti (l'alternativa è Cavarzan) e Di Prisco (l'alternativa è Tessaro).
Este non cambia.Francesco Feltrin, tecnico dell'Este dal 13 febbraio 2008, dopo aver guidato Treviso Primavera, Sandonà e Suzzara, non può contare sugli infortunati Niero e Salvato, entrambi ai box con le caviglie in disordine. L'unica variante rispetto alla trionfale rimonta con il Belluno potrebbe essere l'inserimento di Moresco in attacco al posto di Agostini. Conferma di Pastrello alle spalle delle punte con Ferronato (ex Padova) a presidiare l'area di rigore avendo ai fianchi Bedin a destra e Canella a sinistra.

(Michele Contessa)