Via libera al parco Todori

SCORZE'.Via libera al progetto generale dell'oasi Todori di Scorzè. Il commissario prefettizio Luigi Pizzi, infatti, ha emesso poco prima della fine dell'anno una delibera di giunta dove dà l'ok alla costruzione di un parco urbano e all'oasi faunistica nel sito di via Canove. In pratica Pizzi ha solo dato il benestare a quanto l'allora giunta di Clara Caverzan aveva fatto con una delibera ad hoc il 30 novembre 2006, quando aveva approvato il progetto definitivo dell'opera che dovrebbe diventare il polmone verde cittadino e punto di riferimento delle scuole locali. Si tratta di uno spazio da circa 16 mila metri quadrati, più altri 5 mila di superficie acquistati dal privato, per l'ex discarica che era stata chiusa nel 1982 e che uno studio di Veneto Ricerche effettuato tre anni fa aveva evidenziato come l'area non fosse più a rischio. L'idea della giunta Caverzan, infatti, prevedeva di riqualificare tutta l'oasi, prevedendo anche l'installazione di alcune panchine per renderla fruibile ai cittadini ma anche un punto di interesse e di studio. Un progetto nel quale aveva creduto anche la Regione, tanto che nel 2004 e nel 2006 aveva concesso due finanziamenti distinti, il primo da 100 mila euro e il secondo da 50 mila, per costruire il parco urbano. Finanziamenti che erano poi stati unificati ridefinendo anche il quadro economico. Questi prevedevano la sistemazione dell'entrata di accesso al parco nonché la costruzione di un'aula didattica da usare durante le visite guidate degli studenti anche da fuori comune. Insomma, un vero e proprio polo naturalistico. Già nel marzo del 2007 c'era stata l'inaugurazione della prima parcella dell'oasi Todori, dove sono già stati piantati circa 250 alberi e altrettanti arbusti. Ora il via libera del commissario di Scorzè arrivato pochi giorni fa, dovrebbe dare nuovo impulso per completare tutto il pacchetto degli interventi in via Canove. Lo stesso Pizzi, poi, ha dato il suo benestare anche al quadro economico per un importo totale di 230.120 euro, che serviranno, in parte, a risistemare tutto il sito, realizzare l'ingresso dell'oasi e l'aula didattica.
(Alessandro Ragazzo)