Geishe, samurai e attori kabuki Il Giappone tra amore e guerra

Geishe, samurai e attori kabuki; animali fantastici e mondi visionari, stampe ricche di erotismo e colorate rappresentazioni del mondo della natura. Sono i protagonisti della mostra "Giappone. Storie d'amore e di guerra", che Palazzo Albergati di Bologna dedica al classicismo nipponico, fino al 9 se

Geishe, samurai e attori kabuki Il Giappone tra amore e guerra

Geishe, samurai e attori kabuki; animali fantastici e mondi visionari, stampe ricche di erotismo e colorate rappresentazioni del mondo della natura. Sono i protagonisti della mostra "Giappone. Storie d'amore e di guerra", che Palazzo Albergati di Bologna dedica al classicismo nipponico, fino al 9 se

Geishe, samurai e attori kabuki Il Giappone tra amore e guerra

Geishe, samurai e attori kabuki; animali fantastici e mondi visionari, stampe ricche di erotismo e colorate rappresentazioni del mondo della natura. Sono i protagonisti della mostra "Giappone. Storie d'amore e di guerra", che Palazzo Albergati di Bologna dedica al classicismo nipponico, fino al 9 se

Senza Titolo

...Modulo3-3-4PortiereDoriguzzi (San Pietro)DifensoriDell'Angelo (Amaro), De Stalis (Ravascletto), Lepore (Stella Azzurra)CentrocampistiTosoni (Val Resia), De Betta (San Pietro), Nesina...

Incendio sull'Amariana interviene l'elicottero

... Protezione civile regionale (con i volontari di Amaro) e il Corpo Forestale. Il rogo, a una quota di 600 metri e in una zona boschiva impervia, ha reso necessario l'intervento dell'elicottero della Protezione...

Senza Titolo

...Modulo3-3-4PortiereDoriguzzi (San Pietro)DifensoriDell'Angelo (Amaro), De Stalis (Ravascletto), Lepore (Stella Azzurra)CentrocampistiTosoni (Val Resia), De Betta (San Pietro), Nesina...

Al cinema all'aperto c'è Manuel, della Tucker

Oggi, alle 21.15, sul grande schermo all'aperto del Giardino "Loris Fortuna" di piazza I Maggio, sarà proiettato "Manuel", di Dario Albertini, racconto di formazione asciutto e pudico e dedicato ai Manuel di tutte le periferie, che, nella vita, «devono fa' er doppio della fatica», se non «er triplo»