La cittadinanza onoraria conferita a Cesare Marzona

Il consiglio di Treppo Grande ha approvato la cittadinanza onoraria a Cesare Marzona, notaio e vicepresidente dell'associazione partigiani Osoppo, scomparso il 15 aprile dell'anno scorso. Il riconoscimento è il frutto di una proposta fatta dal gruppo di minoranza "Insieme per il Comune Futuro per Treppo", accolta dall'amministrazione Celotti e votata all'unanimità con l'obiettivo di riconoscere l'impegno di Cesare Marzona, già cittadino di Treppo per «riaffermare la libertà e la democrazia nel nostro Friuli e, insieme a tutte le forze di liberazione, nel nostro paese». Cesare Marzona viveva a Valvasone quando è mancato, ma la sua famiglia era residente a Treppo Grande ai tempi della Grande Guerra e nel paese collinare è ancora presente la storica villa. Al riconoscimento della cittadinanza onoraria era presente il figlio di Cesare, Lorenzo Marzona. Al fratello di Cesare, Giancarlo Marzona, il Comune aveva già dedicato una piazza, piazza Marzona, nella quale trova spazio un monumento ai partigiani.P.C.