Scuola per adulti, pochi servizi La Cgil: il sindaco intervenga

SACILE «Contenitori dell'immondizia nell'ingresso, illuminazione insufficiente e aule poco riscaldate d'inverno: chiediamo dignità per la scuola degli adulti Cpia e un incontro urgente con il sindaco Roberto Ceraolo». Mario Bellomo vertice sindacale della Flc Cgil e Gianfranco Dall'Agnese reclamano spazi e servizi per le aule degli studenti lavoratori. In via Piccinin gli iscritti si sentono isolati e con pochi servizi. «Il Comune di Sacile è responsabile dell'educazione degli adulti, come gli altri enti locali territoriali – sottolinea Bellomo – Durante l'anno scolastico ci sono state segnalate più volte temperature sotto la media in classe». Le aule della scuola serale occupano un'ala della Vittorino da Feltre, la quale, dal 2012, ha l'ingresso separato in via Piccin. «Dal 2014 è stato scorporato dall'istituto comprensivo: il Comune di Sacile, come capita in altre realtà, ritiene che la gestione sia anche a carico della Provincia. Ma gli enti locali sono tutti coinvolti nella gestione ottimale della scuola degli adulti» osserva Bellomo. «Circa 800 iscritti sono l'utenza potenziale a Sacile» evidenzia Dall'Agnese, che chiede «una sede dignitosa». (c.b.) ©RIPRODUZIONE RISERVATA