Minoranza all'attacco: la Tasi poteva essere evitata

COLLOREDO DI MONTE ALBANO «L'applicazione della Tasi (tassa sui servizi indivisibili) deliberata lo scorso agosto dal Consiglio comunale, si poteva evitare, o quantomeno si poteva ridurre di gran lunga il prelievo, come aveva proposto il nostro gruppo». È questo l'attacco mosso dal capogruppo di minoranza Ennio Benedetti alla giunta Ovan in occasione dell'ultimo consiglio comunale svoltosi pochi giorni fa in merito all'aumento delle imposte all'interno del comune. «Al riguardo – ha proseguito Benedetti - avevamo proposto, in sede di predisposizione del bilancio di previsione, un piccolo aumento dell'addizionale Irpaf, in attesa del ricalcolo dell'extra gettito Imu, ma la Giunta, forse perché composta da avvocati, psicologi, segretari e dipendenti comunali, non ha voluto sentire ragioni. Durante l'ultima seduta di Consiglio, discutendo di assestamento, è emerso come il gruppo di minoranza avesse dettagliatamente sostenuto in agosto che il calcolo dell'extra gettito Imu era stato rivisto al ribasso (- 41.348 euro) e le previsioni di entrata della Tasi sono superiori di ben 16.062 euro». (l.i.)