UDINE La "rivoluzione" in casa Rugby Udine 1928 è iniziata: la nuova stagione è alle porte e il primo grande cambiamento è stato fatto rispetto alla guida tecnica della prima squadra; "arrivederci" al duo Maurizio Teghini, che tuttavia è rimasto all'interno della società con altro ruolo, e Federico Dalla Nora, che per la prossima stagione sarà allenatore l'Fir (Federazione Italiana Rugby) di riferimento per il Friuli Venezia Giulia, e "benvenuto" al giovane Giacomo Fedrigo, tecnico tanto giovane (classe 1972), quanto d'esperienza. Sistemata la conduzione tecnica, ora la società bianconera dovrà provare a rinnovare la rosa della prima squadra, puntando su atleti giovani, che vogliano anche abbracciare un progetto ambizioso e concreto, ma non certo facile: il prossimo torneo di serie A, infatti, vedrà i bianconeri affrontare un primo girone impegnativo, contro molte squadre venete di grande tradizione ovale. Al momento attuale, però, si annoverano solamente alcuni "addii", anche se la macchina organizzativa della società udinese sta operando in maniera importante sul mercato, in chiave acquisizioni: chi non farà sicuramente parte del gruppo, per la prossima stagione, è Alberto Giacomini, capitano di lungo corso, che ha deciso di smettere; stesso discorso per Giovanni "spigolo" Picogna, trasferitosi in Germania per motivi di studio, e il forte mediano d'apertura Riccardo Della Rossa, arrivato a Udine lo scorso gennaio e già ripartito verso l'Eccellenza, tra le fila delle Fiammo Oro di Roma. «Stiamo lavorando tanto e le nostre trattative sono a buon punto – commenta Massimo Ferrarin, presidente della Rugby Udine 1928 – tuttavia, non avendo apposto ancora alcuna firma definitiva, per scaramanzia, preferiamo aspettare a comunicarle. Quello che è certo è che stiamo lavorando per rafforzare la nostra linea di trequarti, mi sbilancio dicendo che siamo in trattativa con un "top player" delle isole Fiji e con un "utility back" di origini italo – sudafricane. La prossima stagione per noi deve essere quella del rilancio e siamo intenzionati a farlo riconfermando alcuni giocatori del passato campionato, valorizzando la rosa con qualche acquisto e puntando in maniera importante sui nostri giovani del vivaio». Intanto, proprio in chiave vivaio, si sottolinea il gradito ritorno di Ivan De Spirt, grande apertura nelle fila della Rugby Udine, del San Donà, del Petrarca e di molte altre realtà, che andrà a guidare i giovani dell'Under 14, assieme ai giocatori della formazione seniores Simone Lentini e Antonio Giannangeli. Davide Macor