Dagli All Blacks a Udine: è Green il nuovo tecnico

UDINE Colpo di mercato per l'Udine Rugby 1928, che porta sulla propria panchina un personaggio di primo piano: il nuovo allenatore della prima squadra è infatti il neozelandese Craig Green. Sono contento e soddisfatto di essere qui - dichiara il tecnico - conosco la città e la società; in passato, da selezionatore federale, sono venuto spesso in Friuli Venezia Giulia per visionare giocatori d'interesse nazionale. Questa mia nuova avventura professionale è davvero importante, mi permetterà di conoscere e vivere un rugby più "tranquillo" e di intervenire in prima persona sulla formazione e sullo sviluppo di un intero settore giovanile. A livello di prima squadra intendo lavorare tanto, voglio riconfermare il team sulle posizioni del passato, valorizzare i giovani e l'identità di squadra. La società sta lavorando bene sul mercato, ora sta a me intervenire nel migliore dei modi, affinchè il gioco sul campo sia il più concreto possibile. La realtà ovale friulana si avvale, così, per la prossima stagione di un allenatore tanto vincente quanto serio e professionale. Nella sua lunga carriera Craig Green, 51 anni, ha allenato molte squadre importanti, tanto in Italia, quanto all'estero: il Rugby Calvisano e la Benetton Treviso (con la quale ha vinto ben quattro scudetti), mentre a livello internazionale ha guidato le New Zealand Schools e in Giappone la Kanto Gakuin University. È stato anche selezionatore nazionale Under 20, per la Federazione italiana rugby, guidando la nazionale di categoria all'ultimo Mondiale sudafricano. Da giocatore è stato anche tre quarti ala dei mitici "All Blacks", con i quali è diventato campione del Mondo nel 1987. È stata una trattativa lunga e difficile, ma mi posso definire più che soddisfatto, racconta Claudio Ballico, general manager dell'Udine Rugby 1928. Eravamo in contatto dall'inizio dell'estate, ma ci siamo dovuti venire incontro - prosegue Ballico - . In questo periodo di grandi ristrettezze economiche è sempre difficile coinvolgere personalità del calibro di Craig, ma ci siamo riusciti e siamo tutti molto felici di questa collaborazione. L'intesa è avvenuta grazie al grande lavoro che l'Udine Rugby 1928 ha attuato con la Junior, la società che gestisce e coordina la formazione juniores. Green, infatti, collaborerà tanto con la prima squadra, quanto con il settore giovanile, che dovrà aiutare a crescere, dando un'identità di gioco e di formazione tecnica, fattori fondamentali per far crescere il movimento. La prima squadra si appresta ad andare in ritiro con un organico tecnico rinnovato e la possibilità di lavorare con ben tre allenatori: Craig Green, Maurizio Teghini e Daniele Riva, head coach dell'Under 23, oltre al preparatore atletico federale Alberto Botter. La trasferta a Malborghetto sarà l'occasione per far integrare ulteriormente i nuovi arrivi e capire la metodologia d'allenamento e le strutture di gioco di Green. Questo ritiro è importantissimo - continua Claudio Ballico - : ci servirà per fare gruppo, prepararci atleticamente e capire le nuove strutture di gioco. Nella prossima stagione di A1 vogliamo continuare a stupire. Davide Macor