Canale scolmatore, il Comune sostiene gli agricoltori

REANA DEL ROJALE Nuova alzata di scudi dal Rojale contro il progetto del canale scolmatore del torrente Cormor a un summit tra i responsabili comunali della Coldiretti e il sindaco Edi Colaoni, accompagnato dagli assessori all'agricoltura Moreno Bertoni, ai lavori pubblici Franco Comello e all'urbanistica Luigino Ribis. Un incontro molto partecipato per numeri e contenuti di riflessione - riferisce Colaoni -. La nostra amministrazione ha assicurato totale solidarietà e completo sostegno alle iniziative che gli agricoltori intendessero attivare a tutela di proprietà, integrità di aziende e attività produttive. Nessuno dal 2004, a partire dallo stesso Consorzio Ledra - Tagliamento, ha informato nelle sedi locali gli agricoltori e i loro rappresentanti, nell'intendimento di avviare una progettazione per un canale scolmatore di collegamento Cormor-Torre. A questo si aggiungono forti perplessità su correttezza e obiettività di un'operazione da 140 milioni di euro e sul prolungato silenzio di enti che sapevano del progetto e hanno taciuto; ma anche poca credibilità sugli aspetti ambientali a copertura di rischi idrogeologici enormi per il bacino del Torre al di là di teorie o proiezioni poco sostenibili in relazione alle situazioni idrauliche reali del Torre, da anni in stato di abbandono; negligenza e disinteresse nei confronti delle aziende agricole considerati i danni enormi che causerà l'intervento nella conduzione e produzioni delle stesse. Al termine dell'incontro è stata riaffermata la necessità di fare chiarezza su alcuni atteggiamenti accondiscendenti o conniventi, oltre all'urgenza di riattivare i legittimi percorsi di consultazione dell'intera categoria per tutti i Comuni interessati dai bacini Torre e Cormor. Mariarosa Rigotti