Faccia a faccia fra il Cavaliere e Di Pietro

L'incontro che non t'aspetti. Il faccia a faccia capace di scatenare qualsiasi dietrologia. E' successo ieri, quando il presidente di turno a Montecitorio, Rosy Bindi, ha sospeso la seduta in attesa della ripresa alle 17.30. All'interno dell'aula va in scena uno spettacolo inconsueto e inatteso. Silvio Berlusconi si alza dai banchi del governo e punta deciso verso il tavolo dove siede in genere il "comitato dei 9". In quel momento c'è seduto solo Antonio Di Pietro che parla al telefono. Il premier gli si siede accanto e gli dice : Posso ascoltare? Tanto, siamo tutti intercettati.... Il leader dell'Idv ha la risposta pronta: Ascolta pure la mia telefonata ma poi ascolti anche il mio intervento. I due cominciano a parlare fitto fitto, con il Cavaliere che si sbraccia più di quanto faccia normalmente l'ex pm. L'incontro sembra però tanto strano che qualche deputato lo immortala con il cellulare. Ma cosa si sono detti i due? La risposta ufficiale è quella che Di Pietro offre poco più tardi al Tg3: Berlusconi voleva parlare con uno dei leader dell'opposizione per dire che il suo governo sta facendo il bene del Paese . E io gli ho risposto che il sottoscritto leader dell'opposizione è convinto che farebbe il bene del paese se il suo governo se ne andasse. Tutto qui? Difficile crederlo , almeno a giudicare dall'espressione più che soddisfatta del Cavaliere. Una cosa rara, anche perché da tempo il Cavaliere aveva interrotto qualsiasi forma di comunicazione con l'ex pm.