Boom di furti in appartamento: cinque case svaligiate ogni giorno

di Cristian Rigo Sono 1.754 i furti in appartamento che si sono verificati in provincia nell'ultimo anno: quasi 5 al giorno. Un vero e proprio boom rispetto ai dodici mesi precedenti quando le case svaligiate erano state 1.291. Il che significa che i "colpi" messi a segno nel periodo che va da giugno 2010 a maggio 2011 sono stati 463 in più rispetto all'arco temporale compreso tra giugno 2009 e maggio 2010. È questa, secondo il colonnello Giorgio Salomoni, comandante provinciale dei carabinieri, l'unica nota dolente di un bilancio complessivo che evidenzia ancora una volta come Udine resti un'isola felice sul fronte della sicurezza. Niente furti metodici nelle farmacie, nessun sequestro di persona - ha ricordato il colonnello - e appena due rapine in banca negli ultimi 12 mesi. Come dire insomma che i reati più gravi non sono di casa in Friuli. Merito anche dell'attività svolta dai militari delle 54 stazioni sparse sul territorio. Sia sul fronte della prevenzione (i reati complessivamente sono diminuiti del 6,6%) che nell'attività investigativa che ha permesso di individuare i responsabili nel 32% dei casi. 320 arresti. A dispetto del calo complessivo dei reati (dai 10.342 ai 9.654 dell'ultimo anno) le persone arrestate sono aumentate (da 238 a 320 di cui 132 extracomunitari) al pari di quelle denunciate (da 3.047 a 3.181). Più controlli. Nonostante la carenza di organico denunciata nei giorni scorsi anche dal comandante della Legione, Nedo Lavagi, la sicurezza migliora. Anche perché è aumentata la prevenzione: nell'ultimo anno i Cc hanno identificato 212 mila persone e controllato 170 mila automezzi, in entrambi i casi 10 mila in più rispetto ai dodici mesi precedenti. Allarme truffe. Insieme ai furti, tra i reati più diffusi, ci sono anche le truffe. Nell'ultimo anno sono state 452, un dato in linea con quello del periodo giugno 2009 - maggio 2010 (462). La percentuale di quelle scoperte però è aumentata di molto sfiorando il 50%: su 454 truffe i Cc hanno smascherato i responsabili in 220 casi (nell'anno precedente erano 147) arrestando 11 persone e denunciandone 233. Raddoppiano i casi di violenze sessuali e stalking. I casi di persecuzioni, principalmente nei confronti di ex mogli o fidanzate, sono raddoppiati: da 14 a 28. E lo stesso vale per le violenza sessuali (da 9 a 18) anche se - ha precisato Salomoni - nella maggior parte dei casi si è trattato di molestie. Omicidi. Un solo caso di omicidio nell'ultimo anno che ha portato a un arresto, contro i 3 consumati nei dodici mesi precedenti, due risolti con due arresti e uno ancora insoluto. Estorsioni. Sono quasi scomparse le estorsioni: da 24 di cui 20 scoperte con 11 arresti e 17 denunce, siamo passati a 4 nell'ultimo anno, tutte scoperte dai Cc che hanno arrestato 4 persone. Rapine. Complessivamente negli ultimi dodici mesi ci sono state 18 rapine di cui 2 in banca e in 12 casi gli autori sono stati assicurati alla giustizia. Droga. 30 chilogrammi di stupefacenti recuperati oltre a 121 piante di cannabis e 30 fiale di metadone: questo il bottino recuperato dai militari dell'Arma. L'attività anti-droga ha portato all'arresto di 132 persone e a 90 denunce. L'appello ai cittadini. Per combattere i furti i carabinieri hanno messo in campo una vera e propria task force che ha permesso di scoprire gli autori di 459 colpi tra i quali 123 furti in appartamento e 20 di autovetture. I ladri identificati sono stati complessivamente 536, ma per migliorare ulteriormente la sicurezza il colonnello Salomoni ha chiesto la massima collaborazione dei cittadini prima di tutto nel fare sempre attenzione a chiudere bene porte e finestre e poi nel segnalare movimenti sospetti. ©RIPRODUZIONE RISERVATA