Festival cinematografico: trionfa "Agent Orange"

MEDEA. Il Concerto per la pace nel mondo di Medea è stato preceduto dalle premiazioni della quinta edizione del festival cinematografico 'Un film per la pace", organizzato dal Comune di Medea, dalla Provincia di Gorizia, dalla Windcloak film production e che si avvale della sponsorizzazione della Fondazione Cassa di risparmio di Gorizia, della Cafc Spa e di Iris Acqua.
È stata un'edizione da record quella del 2010 di questa sempre più importante e interessante rassegna, che ha visto in gara oltre cento film provenienti da paesi di tutti i continenti.
La giuria tecnica che ha assegnato i premi era composta da Roberto Collini, direttore Raitre del Fvg, Silvano Buttignon, presidente Crelps e delegato per la provincia di Gorizia, Alberto Bergamin (sindaco di Medea), Enrico Cammarata (direttore artistico del festival), Andrea Crozzoli (direttore Cinema zero), Daniela Lenardi (insegnante), Giancarlo Piccinin (fotografo e produttore audiovisivo) e Renato Valentinuz (presidente delle Acli di Romans d'Isonzo).
Dopo una lunga selezione sono stati scelti i film migliori. Il vincitore assoluto è stato 'Agent Orange", film del regista americano John Trinh. Un documentario che fa rivivere l'orrore della guerra del Vietnam e la devastazione che ha provocato la diossina adoperata dagli americani contro la popolazione.
John Trinh è venuto personalmente a Medea a ritirare il premio che ha ricevuto dalle mani del prefetto di Gorizia Maria Augusta Marrosu. Il regista si è detto molto emozionato per questo riconoscimento. «Ho presentato questo film in molti paesi – ha evidenziato Trinh – e considero questo premio il più importante che ricevo, perché è un premio per la pace. 'Agent Orange" è un film che parla della pace ed è per la pace. Sono contrario a ogni forma di violenza e a ogni guerra. Sono molto onorato che avete creduto nel mio lavoro". Gli altri premi assegnati sono stati i seguenti: 'Cold blood" (Iran 2008) del regista Amir Mehran e 'Berlino 1989-2009: 20 anni di libertà" (Belgio 2009) di Dan Botbol (sezione cortometraggi); 'Strange birds in Paradise, a west-papuan story" (Australia 2009) di Charlie Hill Smith (sezione lungometraggi). (m.s.)