Fusione Capriva-San Lorenzo: è nata ufficialmente l'Asd Isontina

CAPRIVA. Asd Isontina: è la nuova 'Perla del Collio" ed è nata ufficialmente alle 21.18 di martedì dalla fusione del Capriva e del San Lorenzo delle quali conserva, sulle maglie, i passati colori con il rosso a rappresentare il filo diretto cromatico accompagnato dal nero caprivese e dal giallo sanlorenzino (ma in futuro potrebbe essere il bianco, simbolo di neutralità e purezza, a diventare la tonalità predominante). La nuova realtà calcistica, hanno sottolineato i presidenti uscenti Fabio Concion e Paolo Visintin e le autorità intervenute (i sindaci Roversi e Clocchiatti, i dirigenti federali Falanga e Quarta) all'assemblea che ne ha sancito la nascita, rappresenta «un traguardo importante e un punto di partenza per l'obiettivo principale da perseguire». Obiettivo che è la creazione di un forte e strutturato settore giovanile radicato sul territorio.
Perché, come hanno voluto ribadire sia Concion sia Visintin (che dell'Isontina saranno rispettivamente vicepresidente e presidente) l'accorpamento fra le due preesistenti società, forti entrambe di una tradizione consolidata, non è stato un passo d'obbligo per la loro sopravvivenza, bensì una «scelta saggia, soprattutto alla luce delle generali problematiche del calcio, che nel prossimo futuro porterà di sicuro buoni risultati. La via imboccata è quella giusta per aumentare l'apporto del volontariato di dirigenti e soprattutto per far crescere al meglio i nostri ragazzi».
Se nel mondo dell'economia le fusioni tra più società sono una cosa normalissima, lo stesso non può dirsi per quanto riguarda il micromondo calcistico. Sono un evento raro e non sempre accettato di buon grado da chi il calcio lo segue e lo ama, cioè i tifosi. A San Lorenzo, in particolare, qualche mugugno misto a perplessità c'è stato. «Ma io – ha sottolineato Visintin – ho atteso invano proposte alternative alla fusione. Quest'idea è nata già due anni fa e, lo ammetto, allora fummo noi del San Lorenzo a non voler portarla sino in fondo. Con gli amici di Capriva il dialogo non si è mai interrotto, la sinergia a livello di settore giovanile è proseguita e, grazie all'ottimo lavoro di Enrico Graziano, siamo convinti migliorerà ulteriormente. È giunta l'ora che questa piramide, già forte di un'ottima base, abbia un consolidato vertice societario. Dentro di ognuno di noi batterà sempre il cuore rossonero o giallorosso. Ma ora tutti assieme diamo il benvenuto all'Isontina e al suo, speriamo, radioso futuro».
Accanto a Visintin e Concion il primo direttivo dell'Isontina (che avrà sede a Capriva) sarà composto dalla segreteria Greta Bolzan e dal tesoriere Mario Russian. Detto che l'Isontina esisteva già come settore giovanile, per quanto concerne la Prima squadra essa ripartirà da Kiki Bordin come tecnico, dal fratello Pierpaolo quale preparatore e con Luigi Pisani a fungere da ds. Il primo campionato l'Isontina lo disputerà a San Lorenzo, mentre a Capriva giocheranno le giovanili.
Piero Aita