Mariano, gemellaggio artistico tra Chinese e gli enti culturali di Kharkov in Ucraina

MARIANO. L'artista marianese Luciano Chinese ha instaurato una collaborazione artistica con enti culturali di Kharkov, in Ucraina: lo Staprius club e il prestigioso Museo d'arte . Ha partecipato nel 2008 al Festival di pittura e di arti grafiche e nel 2010 ha esposto le sue opere in una mostra di grande successo. Un rapporto sempre più stretto che si è consolidato anche attraverso la presenza in Italia di artisti provenienti dall'Ucraina. Proprio in questi giorni sono ospiti a Mariano gli artisti Sergey Mangushev, Olesia Suprunenko, accompagnati da una delegazione in cui è presente la direttrice dello Staprius club Tamara Aleksandrovna. Gli artisti sono protagonisti di due mostre organizzate con la collaborazione dell'Unesco di Udine nelle due gallerie 'Nuovo spazio" di Chinese con sede a Udine e Venezia in cui sono esposte le opere di altri due pittori che non sono potuti venire in Italia: Elena Kishkurno e Alexsandr Homenko. «Ogni volta – ha sottolineato Tamara Aleksandrovna – andando nello stesso posto si scoprono cose nuove, ma la bellezza è rimasta la stessa, come la cordialità e l'ospitalità della gente. Lo scambio culturale ci permette di crescere artisticamente. Abbiamo portato in Italia una piccola parte dell'Ucraina e della nostra anima». Sergey Mangushev ha svolto per tanti anni la carriera militare e soltanto di recente ha cominciato a dipingere. L'Italia è il paese dell'arte; noi non vogliamo stupire, ma soltanto far conoscere l'Ucraina attraverso la pittura. Olesia Suprunenko si è diplomata al liceo d'arte di Kharkov. L'Italia e Venezia l'hanno sempre attirata e oggi ha realizzato il suo sogno. Nelle mostre espone quadri che raffigurano paesaggi e luoghi del suo paese. «Quando s'instaurano questi scambi – spiega l'artista Chinese – si sviluppa la conoscenza della reciproca identità. Ma andando in Ucraina ritroviamo una caratteristica che da noi è venuta a mancare: la tenerezza e una certa forma di castità. La sensazione è di trovarsi di fronte a un mondo perduto». (m.s.)