Start cup, idee innovative per contribuire alla rinascita dell'Abruzzo terremotato

Una serata all'insegna del divertimento quella di ieri al teatro Giovanni da Udine, dove si sono svolte le premiazioni, ma anche dell'emozione dei partecipanti e per il primo progetto che vede la collaborazione delle Università di Udine e di Trieste, e della Sissa, da cui il nome Startcup Fvg. «Una vera novità ma anche un'unione doverosa – ha commentato il rettore dell'Università di Udine Cristiana Compagno – che vuole essere un'integrazione non tanto per gli atenei ma soprattutto per il sistema regionale, imprenditoriale ed economico». D'accordo il rettore dell'ateneo triestino, che considera questo matrimonio molto positivo. «E' una fase storica difficile per tutti – ha detto –, ma il nostro patrimonio di conoscenze e di idee ci obbliga ad unire le forze, anche per reagire al meglio a questa crisi, con capacità innovative».
E l'innovazione è il filone portante di tutta l'iniziativa. «Startcup è un motore di idee – ha spiegato la fondatrice del premio Manuela Croatto – che offre grandi opportunità anche per chi non ha a che fare con il mondo universitario. E' un modo per mettersi in gioco, per capire se le idee possono diventare imprese. L'esperimento finora ha funzionato per 18 gruppi, a livello locale, che grazie a Startcup hanno potuto coronare un sogno, dando lavoro e costruendo valore per il territorio». Il progetto si occupa, infatti, di fornire gli strumenti e un 'angelo" che accompagnerà i vincitori nella realizzazione del business plan.
Anche grazie all'intervento della Fondazione Crup, che quest'anno ha messo a disposizione 150 mila euro, i vincitori ieri sera si sono portati a casa un assegno di mille euro ai quali si aggiungono i 3 mila euro del premio speciale 'Idee per il terremoto". Due riconoscimenti anche ad altri due progetti di Ars Vitae, che vuole offrire una serie di servizi e strumenti utili per la gestione della sicurezza per il settore agricolo ed EngineeGREEN che ha ideato un taxi elettrico non inquinante, per far fronte al problema dello smog, le polveri sottili ed altre sostanze nocive presenti nell'aria. «Gli assegni – ha spiegato il direttore del premio Andrea Tabarroni – servono anche per reinvestire nell'idea presentata». A premiare i giovani, nel corso della serata, che ha visto la partecipazione della Banda Osiris e del gruppo Fvg Gospel Chior, anche il sindaco Furio Honsell, il presidente della Provincia Pietro Fontanini, l'assessore regionale all'istruzione Roberto Molinaro e il presidente della Fondazione Crup Lionello D'Agostini, alla prese con le battute del conduttore radiofonico Federico Taddia.
Ilaria Gianfagna