La friulana Gianna Liani al progetto "Blue Zone"

VENEZIA. La Biennale di Venezia registra anche quest'anno una serie di iniziative collaterali in cui trovano spazio anche artisti della nostra regione. È il caso della friulana Gianna Liani il cui lavoro piú recente è parte del progetto collettivo Blue Zoneospitato alla Galleria San Vidal, in campo San Zaccaria. L'inaugurazione è prevista per domani, alle 18. La Liani esporrà fino al 30 giugno. L'opera prescelta per l'evento collaterale è Sirena verso la luce( nella foto). «La pittura di Gianna Liani – scrive il critico Albert Razzano –, piú che riflettere la natura, punta su una luminosa espressione che le appartiene. La raffigurazione, i colori dei paesaggi e degli animali, i gatti che rappresenta, mostrano chiaramente che l'artista 'si osserva guardare"». La pittrice friulana, che ha il proprio studio in via Plaino 44 a Torreano di Martignacco, partecipa al progetto Blue Zoneinsieme con altri artisti della regione: da Graziella Casolaro, Adriana Cicognani e Roberto D'Ambrosio di Trieste a Graziano Romio di Muggia; da Federica Marin a Graziella Pontonutti di Udine, a Maria Pia Patriarca di Tricesimo, a Claudia Biondi di Fagagna; a Laura Mascarin Milan di Azzano X a Sergio Davanzo di Monfalcone. Terminata la mostra a Venezia, il progettoBlue Zoneproseguirà dal primo al 15 agosto a Malborghetto e dal 19 settembre al 19 ottobre a Tolmezzo.