Il Chiasiellis saluta la coppa Italia

CHIASIELLIS
REGGIANA
1
3
ALIBUS CHIASIELLIS Caravilla, Urbani, Bortolus, Maglio, Marinig. Zanetti, De Grassi, Bucovaz (Spilotti), Hofer, Miani (D'Angelo), Paroni. All. Marano.
REGGIANA Vicenzi, Colzi, Magrini, Tavalazzi (Casile), Nasuti, Neboli, Cantoro, Del Prete (Baldi), Sabatino (Eccher), Vicchiarello, Brutti. All.
Bertolini.
ARBITRO Zuliani di Vicenza.
MARCATRICI Al 4' Sabatino, al 45' Brutti; nella ripresa, al 10' Del Prete, al 22' Paroni.
MORTEGLIANO. È finita l'avventura dell'Alibus Chiasiellis in coppa Italia. Niente impresa contro la Reggiana, niente qualificazione alle finali a quattro. La squadra friulana si è dovuta arrendere alla Reggiana, non riuscendo a rimediare in casa alla sconfitta dell'andata. Anzi, anche a Mortegliano l'hanno spuntata le granata emiliane, arrivate in migliori condizioni di forma a questo sprint di fine stagione. Lo spiraglio per conquistare una qualificazione che avrebbe avuto il sapore dell'impresa si è chiuso davanti al Chiasiellis dopo appena quattro minuti, quando l'implacabile Sabatino (a segno anche all'andata) ha schiacciato in rete di testa per l'1-0 reggiano. Sul gol nulla da dire (anche se Caravilla ha provato a respingere il pallone che aveva appena varcato la linea), piuttosto ci sarebbe da obiettare sulla sportività delle emiliane, che hanno continuato a giocare nonostante Bucovaz fosse a terra al limite dell'area friulana. Era già successo all'andata, quando le ragazze granata, anziché mettere il pallone a lato per favorire il soccorso all'infortunata Berardo, sfruttarono la superiorità numerica per andare in gol: evidentemente è un vizio.
Ma tant'è. Con la qualificazione ormai andata, il Chiasiellis ha faticato ancora di più a entrare in partita (vanno lette così anche un paio di ghiotte occasioni sprecate in attacco dalle friulane) e ci è voluta tutta la bravura di Caravilla per evitare il raddoppio. Che comunque è arrivato allo scadere della frazione con una deviazione di Brutti in acrobazia dopo l'ennesimo miracolo del portiere di casa.
Più Chiasiellis nella ripresa, anche se a colpire ancora è stata la Reggiana con Del Prete. La squadra di Marano ha proseguito a cercare il gol della bandiera, trovando il premio quando Paroni ha fulminato Vicenzi in uscita. E la giovane attaccante biancoceleste (buona la sua prova, al pari di quella dell'altra diciottenne Zanetti) ha concesso il bis poco più tardi con un gol di ottima fattura: tutto inutile perché il guardalinee di destra ha deciso di ritagliarsi uno spazietto da protagonista annullando la prodezza della friulana per un inesistente fuorigioco.