Picchiato perché "sgrida" sei vandali

Sei cittadini serbi sono stati denunciati dalla polizia per imbrattamento e percosse in seguito a un episodio avvenuto ieri notte in piazza Primo Maggio e che ha avuto come vittima un udinese permessosi di riprendere il gruppo.
Gli agenti della Squadra volante sono intervenuti in Giardin Grande verso le 2 di ieri perché era stata segnalata una lite che vedeva coinvolte più persone.
Una volta giunte sul posto le Volanti riuscivano a fermare un gruppetto di sei giovani di nazionalità serba (tre ventenni e tre 25enni) che si stavano dando a precipitosa fuga; gli accertamenti effettuati dai poliziotti nell'immediatezza hanno permesso di appurare che uno dei fermati, poco prima, aveva preso a calci alcuni sacchetti di spazzatura riposti nei pressi di un cassonetto, causando quindi la rottura degli stessi e il conseguente imbrattamento della pubblica via.
Secondo quanto riferito dalla questura, poco prima il rimprovero di un giovane di 26 anni che stava attraversando la piazza infervorava gli animi del gruppetto, tanto che uno dei ragazzi, sostenuto dai suoi compagni, dapprima inveiva nei confronti del passante e, quindi, lo strattonava e lo percuoteva facendolo cadere a terra.
Sul posto gli agenti hanno anche identificati numerosi testimoni che hanno confermato quanto sostenuto dalla vittima dell'agressione.
Tutti i cittadini serbi, che versavano in stato di evidente ubriachezza, sono stati successivamente accompagnati in Questura. Al termine degli accertamenti è stato deciso che dovranno rispondere di imbrattamento e percosse in concorso tra loro.
Sono stati inoltre sanzionati amministrativamente per ubriachezza in luogo aperto al pubblico.
L'informativa sarà adesso spedita alla procura della repubblica perché valuti le singole responsabilità in previsione della formale contestazione che precede la chiusura dell'indagine.