Lo sport come necessità sociale

GONARS. 'Sport minori: élite o necessità sociale": è questo il titolo scelto per il convegno che si terrà venerdì, alle 20.30, al centro civico di Fauglis organizzato dal Comune di Gonars con la collaborazione delle associazioni sportive della comunità. L'incontro prevede la partecipazione di diversi relatori: Giuliano Gemo, vicepresidente regionale del Coni, tratterà 'La situazione dello sport giovanile in Friuli Venezia Giulia"; Luigi Paulini, segretario provinciale Panathlon club Udine, interverrà su 'La promozione dell'educazione sportiva tra i giovani e nelle scuole della provincia di Udine"; Giuliano Clinori, presidente regionale del Csen, relazionerà su 'Le associazioni sportive nella Bassa Friulana e le peculiarità delle discipline sportive minori"; Paolo Casarsa , decatleta olimpionico, parlerà su 'crescere e vivere con lo sport".
Spiega l'assessore Aurelio Di Benedetto che i singoli interventi avranno il compito di favorire delle riflessioni sulla funzione sociale, culturale, educativa delle discipline sportive, anche di quelle ritenute erroneamente minori rispetto agli sport maggiormente praticati. «L'incontro – precisa l'esponente dell'esecutivo - ci permetterà pure di conferire attestati di merito ad atleti, dirigenti, collaboratori delle associazioni sportive che hanno contribuito a sostenere con impegno la pratica sportiva nel comune di Gonars nel corso dell'ultimo ventennio». Saranno premiati G. Carlo Ferro e Renzo Del Mestre per l'associazione Calcio Gonars, Giuseppe Piu alla memoria, Carletto Candotto, Luigi Minin per la polisportiva Libertas Gonars, Iuri Sandri e Giovanni Carraria per il Shotokan karate; Giorgio Fedele alla memoria e Luca Michele per l'associazione 'Amiis di Vie Rome".
«Un ulteriore attestato –conclude l'assessore Di Benedetto- sarà assegnato a Stefano Martorano, Renato Blasini, Paolo Zaina e Roberto Lovato che hanno sostenuto le numerose iniziative sportive estive promosse dall'Amministrazione per favorire la pratica motoria. Una menzione speciale andrà infine al prof. Angelo Danelazzo per aver contribuito a favorire la conoscenza di numerose discipline sportive sia minori che di maggior notorietà».
Monica Del Mondo