Quattrocento firme per chiedere una pista di atletica

AVIANO. In meno di due settimane dalla sua presentazione ha già raccolto circa 400 firme la petizione per la costruzione di una pista per l'atletica leggera nell'area sportiva Visinai di Aviano, promossa da un comitato formato da quattro team pedemontani: Atletica Aviano, Polisportiva Montereale sezione atletica, Libertas Polcenigo e Road runner Aviano. Il mondo dello sport e anche quelli della scuola (con l'adesione del dirigente dell'istituto comprensivo Giuseppe Babini) e dell'associazionismo hanno risposto prontamente all'appello lanciato dal maratoneta avianese (compagno di Gelindo Bordin e attuale allenatore dell'Aviano) Giorgio Redolfi con la richiesta «di valutare la possibilità di completare l'area sportiva Visinai realizzando un impianto funzionale alla pratica delle discipline dell'atletica leggera, moderno e omologato dal Coni per manifestazioni di tipo agonistico».
Consensi che arrivano da tutta la fascia pedemontana, rispetto alla quale il nuovo impianto avianese verrebbe a essere baricentrico, rispondendo a una molteplicità di bisogni delle realtà sportive e scolastiche locali. Tra questi, la possibilità di avere in zona una struttura in linea con gli standard stabiliti dal Coni per gli impianti di tipo agonistico che, colmando l'handicap della lontananza col campo omologato più vicino, quello di Pordenone, consenta la pratica su ampia scala (a tutti, anche ai non tesserati) delle discipline dell'atletica leggera e di curare la crescita degli atleti più giovani, «quelli – sottolineano i promotori – su cui si devono concentrare le maggiori attenzioni e che con maggiore frequenza hanno necessità di allenamenti specifici sul campo di gara».
«I talenti e la voglia di fare non mancano, manca però una struttura adeguata», aggiungono, ricordando la storica partecipazione degli atleti del comprensivo ai campionati italiani studenteschi, le recenti convocazioni in rappresentative giovanili provinciali e i titoli tricolori conquistati nel settore master. Le istanze manifestate con la petizione hanno trovato l'attenzione dell'assessore allo sport Mauro Vita, che ha già chiesto, e ottenuto, un incontro nella sede del Coni (domani), assieme ai promotori, ai presidenti provinciali del Coni Lorenzo Cella e della Fidal Ezio Rover.
Luca Ros