Le musiche per il cinema di Remo Anzovino

/I/BBIMARTIGNACCO./I/B Venerdì 21, nella Corte dei Binari sul Volpe dalle 20.30, per la rassegna estiva 'Inserco... semplicemente a regola d'arte", con la direzione artistica di Jenny d'Italia, sarà presentato /I/B/I/BBCinematic E motions, di Remo Anzovino, un concerto in assoluta prima nazionale del compositore pordenonese (ingresso libero).BRTutte le colonne sonore sono composte, musicate ed interpretate da Remo Anzovino (pianoforte) ed eseguite con Gianni Fassetta (fisarmonica) e Marco Anzovino (chitarra acustica ed elettrica); presenterà la serata Jenny d'ItaliaBRSu commissione delle più prestigiose cineteche, Remo Anzovino ha composto colonne sonore per veri e propri capolavori del cinema muto. Lo ha fatto davvero bene, se il suo disco d'esordio /I/BBDispari, che ne ha raccolto i brani migliori, ha raggiunto eccellenti posizioni nelle classifiche di tutto il mondo ed è osannato dalla critica internazionale. Ascoltandolo, si capisce come quella di Anzovino sia una musica d'atmosfera estremamente avvolgente e sensuale, in grado di duettare in modo sublime con questi grandi classici del cinema. BRProprio per valorizzare la simbiosi perfetta fra note e immagini è nato /I/BBCinematic E motions, che segue lo straordinario successo registrato in laguna nel concerto del 3 settembre alla Mostra del Cinema di Venezia. BRSi tratterà - spiega Jenny d'Italia - di un concerto-evento dove Anzovino eseguirà le sue composizioni più suggestive accompagnate dalle più belle sequenze del cinema muto. Questa volta saranno le immagini delle pellicole, proiettate su un maxi-schermo, ad accompagnare le musiche e non viceversa, per uno spettacolo di forte impatto emotivo e grande modernità. BRDurante /I/BBCinematic E motions sarà proposto il meglio delle colonne sonore scritte per i seguenti film, molte delle quali tratte dall'album /I/BBDispari: /I/BBAurora di Friedrich Wilhelm Murnau, /I/BBNosferatu di Friedrich Wilhelm Murnau, /I/BB¡Que Viva Mexico di Sergei Ejzenstejn, /I/BBLulù il vaso di Pandora e /I/BBDiario di una donna perduta, entrambi di Georg Wilhelm Pabst, uno dei maggiori cineasti tedeschi (questi due film hanno come protagonista la graziosissima Louise Brooks, vera e propria musa ispiratrice per Remo Anzovino, che la considera l'attrice più affascinante e indimenticabile della storia del cinema), /I/BBThe Cameraman di Buster Keaton (per questa pellicola sarà eseguito il brano /I/BBDove sei, l'unico che non rappresenta una colonna sonora ma accompagna perfettamente una struggente scena d'amore del film), /I/BBMetropolis di Fritz Lang, /I/BBTabù di Murnau e Flaherty, /I/BBNanuk l'Eschimese di Robert Flaherty, /I/BBLuci della città di Charlie Chaplin. BRAd aprire la serata sarà il progetto /I/BBTabù (1931) con il quale, componendo musiche originali, Anzovino si accosta con discrezione ad un classico del cinema: un meraviglioso poema d'amore e di morte ambientato nell'incontaminato Mare del Sud, con la partecipazione di interpreti tahitiani non professionisti. La pellicola parla del conflitto degli indigeni con le superstizioni e le caste: un giovane viene separato dalla promessa sposa, dichiarata tabù, e muore nel tentativo di raggiungerla. Nel finale del film il protagonista nuota verso la barca che gli porta via la donna amata, riesce ad afferrare la corda, ma il sacerdote gliela taglia, facendo sprofondare il poveretto negli abissi./I/BB Tabù è l'ultima parte della trilogia maori di Murnau a cui collaborò, in parte per la regia e in parte per la sceneggiatura, il documentarista Robert Flaherty. Info:348 7957116.BR