Da Bierhoff a Perulli: quanti affari sull'asse Udine-Ascoli

Chiamarla società satellite forse è troppo, ma a giudicare dagli affari sviluppati di recente è l'Ascoli la società più vicina al modus operandi dell'Udinese. Negli ultimi anni i due club hanno intensificato sempre più una collaborazione nata con l'affare Bierhoff nel 1995, quando patron Pozzo versò 2,5 miliardi di vecchie lire ai marchigiani per portare in Friuli il centravanti tedesco che l'Inter aveva lasciato in parcheggio a Ascoli. Dopo Bierhoff l'Udinese provò a ricambiare il favore nel 2001/2002 cedendo in prestito ai ducali Zlatan Muslimovic, che nelle Marche però non ebbe molta fortuna.
Arrivando ai giorni nostri, le relazioni tra gli operatori dei due club si sono sviluppate sempre più, coinvolgendo anche operazioni commerciali al di fuori dei calciatori. L'esempio arriva dalla sponsorizzazione. Questa stagione l'Udinese ha ereditato il main sponsor che era dell'Ascoli l'anno scorso, la Gaudì. L'operazione è stata condotta dalla Lotto, lo sponsor tecnico che veste l'Udinese, che vestiva l'anno scorso l'Ascoli, e che ha l'esclusiva dei diritti del main sponsor sulla maglia dell'Udinese.
Una volta cessato il rapporto con la società marchigiana, la casa di abbigliamento sportivo veneta ha girato la Gaudì all'Udinese. Tornando ai calciatori, attualmente l'Udinese ha parcheggiato all'Ascoli il difensore serbo Aleksandar Lukovic, prelevato dalla Stella Rossa in estate e girato nelle Marche per problemi di tesseramento, avendo l'Udinese già esaurito i posti per i calciatori extracomunitari.
Secondo accordi, Lukovic resterà ad Ascoli fino a gennaio e alla riapertura del mercato approderà a Udine. È lo stessa procedura seguita lo scorso anno da Abel Aguilar, il centrocampista colombiano che l'Udinese aveva parcheggiato all'Ascoli e che arrivò a Udine a gennaio scorso. Il percorso, in tempi ancora più recenti, è stato fatto anche dall'attaccante brasiliano Schumacher, impiegato con la Primavera dell'Ascoli la scorsa stagione, prima di approdare a Udine. Tra le comproprietà in essere, l'Udinese ha ancora quella del centrocampista Perulli, a segno due domeniche fa contro il Messina, mentre i friulani hanno ceduto la parte di Quagliarella alla Sampdoria, rimasto in comproprietà fino a questa estate. (s.m.)