La Graphistudio in semifinale

GRAPHISTUDIO
ORLANDIA
3
1
GRAPHISTUDIO TAVAGNACCO Marcutti 6, Simeoni 6, Stabile 6,5, Simonato 6,5, Minisini 6,5, Gama 6,5, Di Filippo 6, Penickova 6,5 (Tommasella 6), Bucovaz 7 (Inglese 6,5), Illiano 6, Bologna 6 (Bedin 6,5). All.Modonutti
ORLANDIA mpogo 6, Giuliano 6, Sabi 6,5, Cucinotta 6 (Bisci 6), Venuti sv (Catalfamo 6), Iuculano 5.5 (Basile 6), Bertino 6, Fiocco 6, Morello 6, Manzella 7 - All.Tonarelli.
ARBITRO Pellegrini di Arcoriva (Tn) 6.
MARCATORI Al 6' Gama; nella ripresa, all'8' Bedin, al 26' Inglese, al 44' Manzella. TAVAGNACCO. Al Tavagnacco bastano tre guizzi per avere la meglio sull'Orlandia e conquistare così una storica qualificazione alle semifinali di coppa Italia. La differenza di categoria (la formazione siciliana è l'unica squadra di serie A2 che ha ottenuto la qualificazione ai quarti) si è fatta sentire sia sul piano atletico che su quello tecnico e così, pur senza brillare, la Graphistudio ha preso da subito il comando delle operazioni affidandosi soprattutto agli inserimenti di Bucovaz che dalla sinistra, soprattutto nel primo tempo, ha avuto modo di tagliare il campo e creare spesso superiorità numerica in combinazione con la ceca Penickova e Bologna. Dai loro piedi sono partite tutte le occasioni più importanti della gara, come in occasione del gol realizzato al 6' da Gama.
A dare il via all'azione è proprio Penickova che pesca in profondità Bucovaz, tocco al centro per Gama e diagonale vincente di quest'ultima.
Ottenuto il vantaggio, però, le gialloblù commettono l'errore di rilassarsi e invece di affondare i colpi si limitano a uno sterile possesso palla caratterizzato da una lunga serie di errori. L'Orlandia ha così l'opportunità di pareggiare, ma al 30' Marcutti è brava ad anticipare Manzella, tutta sola davanti al portiere. Sull'altro fronte le gialloblù finiscono spesso impigliate nella rete del fuorigioco costruita dall'Orlandia come in occasione del gol giustamente annullato a Simonato al 44'.
Bisogna quindi attendere l'ingresso nella ripresa di Bedin, abile a sfruttare un passaggio millimetrico di Penickova, per la rete del raddoppio che di fatto chiude le ostilità all'8'. A fissare il risultato sul definitivo 3-1 pensano poi Inglese, subentrata a Bucovaz e, nel finale, Manzella.
L'appuntamento con le semifinali e la finale di coppa Italia è per il 26 e il 28 maggio.
Cristian Rigo