Il Tavagnacco avanza a piccoli passi

MONTI DEL MATESE
TAVAGNACCO
0
0
MONTI DEL MATESE BOJANO Altieri, Biallo, Rana, Lanzieri, Sorvillo, Valetto, Berarducci, Beneventi, Marino, Fracassi, Coluzzi. Allenatore Di Rienzo.
GRAPHISTUDIO TAVAGNACCO Marcutti, Donà, Simonato, Simeoni, Di Filippo, Bucovaz, Gama, Penickova, Minisini (35' st Inglese), Tommasella (36' st Femia), Illiano (16' st Piva).Allenatore
Modonutti.
ARBITRO Di Lorenzo di Termoli.
NOTE Ammoniti Lanzieri, Valetto e Di Filippo.
CAMPOBASSO. Prosegue la serie positiva della Graphistudio che torna da Campobasso con il terzo pareggio consecutivo, ma gli umori in casa gialloblù non sono dei migliori. Come in occasione dello 0-0 ottenuto nel recupero nel recupero di mercoledì a Reggio Emilia, infatti, anche sul campo del Monti del Matese sono state le friulane ad avere le occasioni migliori senza però trovare la via della rete.
La trasferta in Molise va quindi ad aggiungersi all'ormai lungo elenco delle occasioni mancata nel campionato della Graphistudio. E la classifica resta deficitaria con il Tavagnacco terz'ultimo a quota 12 con 2 lunghezze di margine sull'Atalanta che deve però ancora recuperare la partita casalinga con il Torino.
Nel primo tempo pesano su entrambi i fronti le assenze delle attaccanti titolari (da un lato Bologna, assente per motivi personali e l'infortunata Mauro che rientrerà solamente nella prossima stagione, dall'altro le squalificate Colasuonno e Bellocci) e così la partita scivola via senza troppe emozioni con il Monti del Matese più aggressivo e il Tavagnacco incapace di trovare sbocchi in avanti. L'unico tiro nello specchio porta infatti la firma di Berarducci che al 25' stacca bene di testa prendendo il tempo alla difesa gialloblù, ma trova pronta Marcutti alla parata in tuffo. Del Tavagnacco nessuna traccia in avanti anche perché Di Filippo viene marcata a vista con le buone e con le cattive e le due attaccanti ricevono pochi palloni giocabili. A fare le spese della grinta del Monti del Matese è Simonato che in un contrasto aereo viene ferita all'arcata sopracciliare e deve proseguire la gara con una fasciatura.
Al rientro dagli spogliatoi cambia tutto: il Tavagnacco si scrolla di dosso le incertezze e comincia a macinare gioco mettendo in campo la necessaria determinazione. Al 14' è Di Filippo ad avere la palla buona, ma la centrocampista della nazionale si lascia ipnotizzare da Altieri dopo un prezioso assist di Bucovaz e spreca. Il Tavagnacco appare trasformato, Modonutti intuisce di poter vincere la partita e getta nella mischia Piva per avere più spinta sulla fascia spostando Gama a fare la punta. Il cambio sortisce l'effetto sperato, ma il gol resta un miraggio. Quando anche Altieri viene superata da un colpo di testa di Simonato, Lanzieri respinge sulla linea, poi ci provano Gama e Inglese (inserita insieme a Femia per l'assalto finale), ma senza fortuna. La difesa del Monti del Matese regge e il risultato non cambia fino alla fine. (c.r.)