Tavagnacco in extremis

GRAPHISTUDIO
ACQUA PRADIS
2
1
GRAPHISTUDIO TAVAGNACCO Marcutti 6, Martinelli 6,5, Simonato 7 (Piva 6), Stabile 6,5, Gama 6,5, Minisini 5, Penickova 7, Femia 5, Inglese 5 (Broili sv), Bedin 6 (Mauro 6,5), Bologna 6,5. Allenatore:Modonutti.
ACQUA PRADIS RIVIGNANO Zorzi 6,5, Urbani 6, Franceschinis 6 (Sette 6),Barisan 5,5, Gattesco 6, Toneatto sv (Marinig 6), Miani 6,5, Orlando 6,5, Zandonà 6, Berardo 6, Battistin 6 (Bigotto 6). Allenatore:Di Giusto.
ARBITRO Merlino di Udine 6.
MARCATORI al 44' Orlando (rigore); nella ripresa, al 2' Bologna, al 49' Stabile.
NOTE ammonita: Simonato.
di CRISTIAN RIGO

Dopo il gol di Bucovaz, che nei minuti finali ha regalato alla Graphistudio il pareggio nel recupero di campionato contro il Milan, le gialloblù si sono ripetute nella sfida di coppa Italia contro il Rivignano dell'ex Di Giusto. Questa volta a segnare il gol decisivo è stata Stabile, che su punizione ha firmato il definitivo 2-1 consentendo al Tavagnacco di ottenere una vittoria a quel punto insperata che ha premiato oltre i suoi meriti le ragazze di Modonutti. Lo stesso tecnico, infatti, a fine gara si è detto soddisfatto del risultato, ma non dell'impegno delle sue ragazze. E a rovinare la festa per la vittoria (la qualificazione al prossimo turno era già assicurata) è arrivato l'infortunio di Mauro che, dopo esser entrata in campo al posto di Bedin all'11' della ripresa, al 37' ha subito un duro colpo al ginocchio che con ogni probabilità le farà saltare la sua prima convocazione in nazionale. Solo nei prossimi giorni però, i medici valuteranno l'entità dell'infortunio.
La Graphistudio, scesa in campo con molte delle seconde linee, pur mantenendo per tutto l'arco della gara il controllo del gioco, non è riuscita a rendersi mai veramente pericolosa nel corso del primo tempo e solo gli affondi sulla sinistra di Gama hanno creato qualche grattacapo alla difesa del Rivignano. L'occasionissima per la Graphistudio è arrivata poco dopo la mezz'ora, quando Gama ha smarcato Bedin che, tutta sola da distanza ravvicinata, non ha trovato lo specchio della porta. A trovare il gol è stato invece il Rivignano che pochi istanti prima dell'intervallo ha beneficiato di un calcio di rigore per un intervento di Femia su Berardo. Sul dischetto si è presentata Orlandi: pallone a destra, Marcutti a sinistra e Rivignano che chiude in vantaggio la prima frazione.
Nella ripresa la Graphistudio ha trovato subito la rete del pareggio con Bologna che di testa ha rubato il tempo a tutta la difesa sfruttando un cros di Bedin dalla sinistra. Raggiunto il pareggio, il Tavagnacco si è limitato a uno sterile possesso palla e l'attenzione è stata tutta per lo striscione esposto dall'ex tecnico di Rivignano, San Marco e Campagna, Mauro Vissa, che recitava: «Possono comprare le vostre prestazioni, ma non il vostro cuore: San Marco vive». Tra le ex giocatrici della compagine triestina 'scomparsa" lo scorso anno c'erano, tra le altre, Zandonà, Inglese, Femia e Gama. A completare la lista degli ex sulla panchina granata c'era l'ex tecnico gialloblù Ruggero Di Giusto. A riportare l'attenzione degli spettatori sul rettangolo di gioco ci ha pensato Stabile che, come detto, ha indovinato la punizione vincente dal limite al 4' di recupero.