Tavagnacco di nuovo al tappeto

GRAPHISTUDIO - AGLIANA
1-2
GRAPHISTUDIO TAVAGNACCO Marcutti 5,5, Donà 5,5, Simonato 6, Simeoni 5, Stabile 5,5 (Minisini sv), Mauro 6 (Bologna 6), Di Filippo 6, Bucovaz 5,5, Gama 6, Illiano 4,5 (Inglese 5,5), Tommasella 5,5. All.Modonutti
AGLIANA Frediani 7, Cacciatori 6, Ugolini 6,5, Mauro 5,5, Ercoli 5,5, Pini 6,5, Di Costanzo 6, Serra 5,5 (D'Agostino 5,5), Tardelli 6 (Baldi sv), Ciardelli 6, Fuselli 6,5. All.Biagiotti.
ARBITRO Ros di Pordenone 5,5.
MARCATORI Al 9' Tardelli; nella ripresa, al 13' Ciardelli, al 33' Bologna.
NOTE Ammoniti Tardelli, Fuselli, Simeoni e Stabile.
TAVAGNACCO. Sfortunato e inconsistente in zona gol, il Tavagnacco lascia l'intera posta a un'Agliana tutt'altro che insuperabile e apre ufficialmente la prima crisi della stagione. Una crisi di gioco e di identità prima ancora che di risultati anche se la terza sconfitta consecutiva relega le gialloblù al terzultimo posto della classifica con 1 punto in quattro gare.
E nello spogliatoio si apre il caso Magnani. Dopo aver saputo che il tecnico le avrebbe preferito tra i pali Marcutti, il portiere non si è presentato al campo avvisando solo all'ultimo della sua assenza e costringendo così la dirigenza a convocare in fretta e furia l'estremo difensore della formazione giovanile Alessandra Mareschi. Sul caso né il presidente Enzo Picheo, né il tecnico Roberto Modonutti hanno voluto rilasciare dichiarazioni, ma pare ormai ovvio che Magnani non intenda accettare alcun tipo di turn over.
Schierato con uno spregiudicato 3-4-1-2 il Tavagnacco parte con il freno a mano tirato e al 9' combina il primo pasticcio difensivo. Su un corner da destra il pallone attraversa tutto lo specchio dell'area con Marcutti che si lascia superare colpevolmente e Tardelli che, dimenticata dalla difesa, accompagna in rete di testa il pallone dello 0-1.
Sotto di un gol, il Tavagnacco si sveglia e comincia ad attaccare sull'asse Di Filippo - Gama. Al 12' la nazionale taglia dentro per Gama che crossa radente dalla sinistra e pesca Mauro a centro area, Frediani blocca in tuffo. Passano 6' e questa volta è Gama a sparare alto smarcata dalla solita Di Filippo. L'Agliana è in affanno e il tecnico Biagiotti, squalificato, dà indicazioni dalla tribuna e sposta Pini in marcatura su Di Filippo. La mossa però non dà i frutti sperati perché al 29' è ancora Di Filippo (servita ovviamente da Gama) a sfiorare il gol con un gran destro a girare. Al 35' Di Filippo ci prova su punizione e centra il palo. Un minuto dopo l'azione si ripete e questa volta Frediani si salva con l'aiuto della traversa. Il Tavagnacco insiste, ma spara a salve. Prima del riposo tocca a Illiano, ma il suo destro dal limite è facile preda della solita Frediani.
Nella ripresa le gialloblù ripartono sotto ritmo: l'Agliana ringrazia e al 13' sfrutta il secondo clamoroso errore difensivo. Simeoni svirgola un rinvio e Ciardelli non perdona. A questo punto il Tavagnacco smette di crederci, ma quasi per caso torna in partita con un gol di rapina di Bologna dopo che Donà aveva centrato il terzo legno della giornata con un colpo di testa finito sul palo. E nel recupero tocca ancora a Frediani superarsi su un destro dal limite di Minisini. Per il Tavagnacco non era proprio giornata.
Cristian Rigo