L'Udinese scopre di avere in Candela un abile tiratore sui calci di punizione

Non può essere considerato uno specialista, per il solo motivo che Vincent Candela, le punizioni le ha sempre viste calciare dai compagni. Totti alla Roma e Zidane nella nazionale francese gestivano il monopolio dei calci piazzati e così...
E così capita che basta una semplice amichevole in ritiro precampionato per scoprire le doti balistiche di Candela. La parabola d'interno destro a giro sul primo palo, con cui il francese venerdì ha realizzato il primo gol in maglia bianconera, è stata una sorta di rivelazione, una presa di conoscenza di cui sarà difficile non tenere conto in futuro, quando a certi calci piazzati sarà demandato il compito di spezzare una scomoda resistenza.
D'altronde, è ben nota l'importanza che il calcio moderno conferisce alle punizioni. Se ne studiano di soluzioni con schemi che dipendono sempre più da una parabola perfetta, da un disegno di un artista. Una traiettoria perfetta può superare le difese più invalicabili.
Per ottenere l'effetto ci vuole la tecnica e Candela ne è in possesso. Ecco perchè, a nostro giudizio, il francese può candidarsi tra gli stoccatori per la prossima stagione. Oltre alle bombarde di Iaquinta, c'è anche l'interno destro di monsieur Candela. (s.m.)