Gli allievi della Sacilese sfidano il Montebelluna: in palio le finali nazionali

/I/BBISACILE. /I/BBattere i campioni d'Italia per accedere alle finali nazionali. E' questo l'arduo compito che attende oggi alle 10.30 gli allievi della Sacilese nell'ultima partita della fase eliminatoria interregionale. Dopo aver superato largamente (6-1) i trentini del Calcio Chiese nella prima delle due gare in programma, i ragazzi guidati da mister Mauro Brusadin chiudono il girone a Montebelluna dinnanzi ai detentori del titolo nazionale allievi-dilettanti.BRI pari età veneti, infatti, allenati dall'ex centrocampista di Palermo e Cagliari, Franco Osellame, superando in finale la formazione palermitana del Louis Ribolla, hanno conquistato dodici mesi fa il titolo di campioni d'Italia di categoria. In questa stagione i biancocelesti si sono aggiudicati nuovamente il titolo regionale e puntano al bis a livello nazionale, nonostante i ben informati ritengano la formazione di quest'anno meno talentuosa di quella vincente dell'anno passato, della quale, tra l'altro, Juventus, Sampdoria e Parma hanno prelevato ben cinque undicesimi.BRIl blasone degli avversari suscita rispetto, ma non timore nell'ambiente biancorosso. E' una partita in cui può succedere di tutto - spiega il direttore sportivo liventino Gianni Camatta -. Ce la giocheremo a viso aperto. Il successo dei veneti contro il Calcio Chiese la settimana scorsa è stato ancor più largo (10-0) di quello ottenuto dai ragazzi di Brusadin, i quali, dunque, in virtù della peggiore differenza reti, sono obbligati a vincere per arrivare primi nel girone e accedere alla fase nazionale.BRIl dover vincere a tutti i costi - continua Camatta - rappresenta una bella prova di maturità per il gruppo. Proprio per questo il mister negli ultimi giorni ha cercato di lavorare più sull'aspetto mentale che su quello squisitamente tattico-atletico. /I/BB(p.s.)