Tavagnacco bello a metà

LETTI COSATTO-FORONI
1-6
LETTI COSATTO TAVAGNACCO Marcutti 5,5, Piva 7, Domini 6, Pezzarini 6, Stabile 6, Di Filippo 5,5, Bucovaz 5 (Chiapolino sv), Josè Maria 6 (Lavia sv), Tomasella 5, Minisini 5,5 (Martinelli sv), Delli Zotti 5,5.Allenatore: Mariano.
FORONI VERONAComin 5,5 (Braiato sv), Pontil 6, Turra 6, Tavalazzi 6,5, Placchi 7, Tagliacarne 6 (Crivellaro sv), Camporese 5,5, Maddalena Gozzi 6, Marcella Gozzi 5,5, Brumana 5,5, Gazzoli 6 (Carraro sv). Allenatore: Donella.
ARBITRO D'Alessio di Forlì 6.
MARCATRICI Al 28' Piva, al 38' Tavalazzi, al 47' Gazzoli; nella ripresa, al 17' Gazzoli, al 20' Tagliacarne, al 32' e al 48' Placchi.
NOTE Spettatori: 200 circa. Giornata di sole ma fredda. Terreno ghiacciato. Angoli: 5-0 per il Foroni. Recupero: 2' e 4'.
di RENZO MANZOCCO

TAVAGNACCO. Due partite al prezzo di una. Non è l'ultima trovata del calcio femminile per catturare spettatori, è quanto hanno offerto ieri Letti Cosatto e Foroni. Primo tempo equilibrato, con le friulane capaci addirittura di mettere il naso avanti con la rete di Piva (pallonetto beffardo da una trentina di metri alle spalle dell'incerto portiere della nazionale Comin) e rimonta-sorpasso delle veronesi nei minuti finali. Dopo l'intervallo, però, tutto è cambiato.
Appunto un'altra partita. Il bel Tavagnacco ammirato fino al momento del tè è rimasto negli spogliatoi, lasciando la scena soltanto alle ragazze del Foroni, che non si sono dovute sporcare più di tanto la maglia per rimpinguare il bottino.
Se sia stata colpa di un calo fisico e mentale della Letti Cosatto o piuttosto del risveglio della campionesse d'Italia starà al tecnico delle gialloblù Mariano accertarlo in settimana, quel che conta è che il Tavagnacco ha confermato almeno per 45 minuti quanto di buono aveva fatto a Sassari. E ciò nonostante una formazione imbottita di babies e con Maria Josè alle prese con l'influenza.
Le pesanti assenze di Simonato, Donà, Simeoni e Bologna si sono avvertite soltanto nella seconda metà della gara, quando è venuta a galla la maggiore esperienza del Foroni. Finché, invece, l'argento vivo delle friulane ha avuto la meglio, si è assistito a una partita incredibilmente equilibrata. Con un Foroni vicino al gol con le conclusioni di Gazzoli e Tagliacarne, ma anche vulnerabile alle spalle, come ha dimostrato prima Maria Josè (occasione mancata per aver aspettato troppo a tirare) e poi Piva, realizzando il magnifico il gol della grande illusione.
Un sogno ridimensionato dalle zampate di Tavalazzi e Gazzoli prima del riposo e definitivamente infrantosi nel secondo tempo, quando la partita si è improvvisamente trasformata nel tiro al bersaglio verso la porta delle friulane che in molti si attendevano fin dal primo minuto.
Sul poligono si sono alternate tutte le "stelle", ieri non proprio brillantissime, del Foroni e alla fine sono arrivati il secondo centro di Gazzoli, il gol di Tagliacarne e la doppietta di Placchi.