Barcellona, candele e slogan per i leader indipendentisti

video Nella capitale della Catalogna, Barcellona, la folla è in strada per chiedere la liberazione dei leader indipendentisti Jordi Sánchez e Jordi Cuixart, accusati di sedizione dall'Audiencia Nacional di Madrid. Candele in mano, il grido è sempre lo stesso: "Llibertat!". Tra bandiere secessioniste e cartelli, nelle città della regione autonoma riecheggia l'inno catalano Els Segadors. Secondo la polizia municipale, a protestare, nella sola Barcellona, sono 200mila persone. Altre proteste sono state organizzate a Girona, Tarragona, Madrid, Valencia, Palma di MaiorcaVideo Twitter: Guillem Soldevila

Chiara Appendino sentita dai pm di Torino:"Chiarito tutto, non abbiamo nulla da nascondere"

video "Non abbiamo nulla da nascondere, sono serena e ho piena fiducia nella magistratura". Lo ha detto la sindaca di Torino, Chiara Appendino, al termine del lungo interrogatorio in Procura a Torino. "Abbiamo agito nell'interesse dei torinesi - ha aggiunto la sindaca - chiarendo quello che c'era da chiarire. E' stata una chiacchierata corretta in cui abbiamo esposto quelli che sono i fatti alla luce di come abbiamo lavorato nell'ambito dell'approvazione del bilancio e tutto l'iter conseguente". La sindaca, insieme all'assessore al Bilancio Sergio Rolando e al capo di Gabinetto Paolo Giordana, è indagata per falso ideologico in atto pubblico.Di ALESSANDRO CONTALDO

Il sindaco di Vignola: "I bimbi con l'Aids vanno a scuola, i non vaccinati no". Pd: "Parole indegne"

video "E' un paradosso assurdo", commenta il sindaco di Vignola (Modena), il leghista Simone Pelloni", "come qualche genitore mi ha detto, che a un ammalato di Aids si garantisce il diritto allo studio mentre a un non vaccinato lo si esclude dall'asilo nido e dalla scuola dell'infanzia o gli si dà una multa qualora non faccia i vaccini prestabiliti". Parole, pronunciate in un incontro pubblico sull'obbligo vaccinale della scorsa settimana, che suscitano polemiche nel Modenese e non solo, con il segretario regionale del Pd Paolo Calvano che pubblica questo frammento e definisce "inaccettabili" le frasi pronunciate dal primo cittadino, che mettono "a confronto due situazioni incomparabili e discriminando i bambini immunodepressi, ad esempio malati di Aids. Un bambino con malattie immunodepressive, non può vaccinarsi ma ha diritto ad andare a scuola". Quindi, precisa Calvanbo, "è esattamente per questo tipo di situazioni che abbiamo introdotto la legge sull'obbligo dei vaccini: tutelare i più deboli". Per il governatore dell'Emilia-Romagna Stefano Bonaccini "il sindaco di Vignola, dopo aver usato parole indegne a proposito di vaccinazioni e bambini affetti da Aids, dovrebbe soltanto fare una cosa: scusarsi. Ci si può sbagliare, basterebbe riconoscerlo" a cura di MICOL LAVINIA LUNDARI

San Francesco sbarca anche su Instagram

video Può anche capitare di ritrovarsi una richiesta di amicizia da parte di San Francesco di Assisi. Prima Facebook, poi Instagram, il Poverello di Assisi si dimostra catalizzatore di grande emozione anche sui social. "È chiaro il desiderio che hanno in tanti di avvicinarsi al Poverello. È imponente la domanda di spiritualità - dicono in sala stampa ad Assisi - che emerge dal cuore di milioni di uomini e donne" (a cura di Cinzia Lucchelli)