Gb, cittadino pentito per aver votato Brexit piange in radio: ''Cosa ho fatto al mio Paese?''

video Dopo il raggiungimento dell'accordo su Brexit tra Gran Bretagna e Unione Europea, un ascoltatore è intervenuto in lacrime durante uno show radiofonico dell'emittente inglese Lbc, condotto da James O'Brien. ''Credevo che uscire sarebbe stato meglio, ma mi sono sbagliato'', ha spiegato l'uomo con la voce rotta dal pianto. ''Non è colpa tua - ha risposto il conduttore - ma di chi ti ha convinto che fosse così''. Video: Lbc

Parma, la famiglia che pianta 11mila alberi contro il cemento

video Giancarlo Spaggiari, 86 anni, e il figlio Roberto, 47 anni, hanno deciso di opporre un esercito di alberi alla cementificazione e all'inquinamento atmosferico. Per migliorare la qualità dell'aria e salvaguardare la zona agricola in strada Quingenti a San Prospero, la frazione di Parma in prossimità della trafficatissima via Emilia, il padre agricoltore e il figlio, dipendente pubblico, hanno piantato nella loro proprietà ben 11mila piante in 10 ettari. Querce, noci, frassini, cornioli, prugnoli, meli, olmi: un argine verde, realizzato anche grazie a contributi dell'Unione Europea, nei confronti di nuove urbanizzazioni. Niente cemento, solo piante in un'area che, quando le piantumazioni furono avviate, faceva gola ai costruttori edili. Gli Spaggiari hanno preferito declinare le offerte immobiliari e portare avanti un progetto che potrebbe essere bissato da un'altra iniziativa simile, che vede coinvolti enti pubblici e privati, ribattezzato Km verde lungo l'autostrada A1. Video: Simone Fagnani

European balcony project, a Roma un film per raccontare il dramma dei naufragi dei migranti

video Nell'ambito del Med Festival di Roma, si é tenuta al cinema Savoy la proiezione del film 'Styx', uno dei tre finalisti del Premio Lux. Il premio é organizzato dal Parlamento Europeo per promuovere le pellicole che si concentrano su temi di particolare attualità all'interno dell'Unione Europea. Il film del regista tedesco Wolfgang Fisher tratta una delle questioni chiave del dibattito europeo, quella dei naufragi dei barconi di migranti. La proiezione rientra peraltro nell'iniziativa "European balcony project", ovvero una giornata in cui nelle città di tutto il continente si sono tenute in contemporanea iniziative tese a risvegliare l'attenzione sui valori fondanti dell'Europa di Marco Billeci

Sanzioni Usa contro l'Iran, Rampini: "Così la scure di Trump peserà sull'Ue"

video "È una sfida dura quella che Trump lancia all'Unione europea sulle sanzioni all'Iran. Non ci sarà nessun trattamento speciale per l'Italia e l'intera Ue cadrà sotto il peso di queste multe. Chi farà affari con Teheran verrà colpito da un vero e proprio embargo: non potrà vendere o esportare beni e servizi negli Usa, o ricevere investimenti americani. L'Ue prepara uno scudo finanziario per le imprese che vorranno continuare a trattare con l'Iran ma il ministro del Tesoro americano, Steve Mnuchin, promette battaglia". Il commento di Federico Rampini

Manovra, Tria: "Governo non vuole uscita dall'euro, c'è un grande equivoco"

video "La manovra ha il duplice obiettivo di contrastare il rallentamento della ripresa e stimolare la crescita a lungo termine con il rilancio degli investimenti pubblici. Così il ministro dell'Economia Giovanni Tria, nel suo intervento al la Giornata mondiale del risparmio. "L'obiettivo della legge di bilancio - ha spiegato - è quello di ridurre e colmare il gap di crescita con il resto dell'area dell’euro” E per questo motivo il ministro ha ribadito: “Il governo italiano non vuole in alcun modo l'uscita dell'Italia dall'euro o dall'Unione europea. c'è un grande equivoco su questo”. Video di Cristina Pantaleoni

Roma, centro Medicina Solidale a rischio sfratto: "Qui ci prendiamo cura degli esclusi"

video Dopo più di dodici anni di attività, il centro Medicina Solidale di Tor Bella Monaca rischia di chiudere. Con una mail PEC, il VI Municipio di Roma Capitale ha deciso di sollecitare l’associazione Medicina Solidale a restituire i locali che hanno in gestione nel quartiere e dove vengono accolti e visitati, in modo del tutto gratuito, tutte quelle persone che vivono in stato di fragilità. I motivi della decisione sono prettamente legati ad un cavillo burocratico per l'assenza di documenti che attestino l'accatastamento dell'immobile. Eppure, gli ex sindaci di Roma, da Alemanno a Marino, hanno sempre cercato di sostenere il progetto avviandone le procedure di regolamentazione poi interrotte con l'attuale amministrazione. La richiesta è arrivata senza preavviso nonostante una lunga serie di tavoli di confronto e di visite da parte dell’amministrazione municipale e dopo che l’associazione Medicina Solidale nel 2016 è stata premiata dall’Unione Europea per il suo impegno nelle periferie romane a favore degli ultimi. "Abbiamo iniziato a dire ai nostri pazienti che da oggi smetteremo di visitarli", ha detto Lucia Ercoli direttrice sanitaria del centro, "Questo territorio necessita di un posto simile, italiani, stranieri, gli indigenti, tutti devono essere curati ma stiamo fondando la nostra società sull'esclusione sociale e questo genererà violenza". Sono oltre 120 mila le persone che, nel corso di un decennio, hanno trovato in quella sede una fonte di sostegno medico specializzato, di conforto, medicinali e alimenti gratuiti. di Martina Martelloni