Migranti, Salvini: "Europa deve darci soldi e uomini per controllo confini e respingimenti"

video "Perché Matteo Salvini al Parlamento europeo si è astenuto sulla modifica del Trattato di Dublino?" Alla domanda di un lettore sull'accordo che lascia al Paese di sbarco ogni responsabilità di gestione degli immigrati, nel videoforum di Repubblica Tv condotto da Massimo Giannini e Laura Pertici il leader della Lega risponde: "Non c'era nulla su espulsione e ricollocamenti, l'Europa ci prende in giro da anni. Ci deve deve dare una mano in termini economici e di uomini per difendere i confini. Se non lo farà Bruxelles, faremo da soli con i 5 miliardi che spendiamo per mantenere 178mila richiedenti asilo" . Ma dove rispedirli se esistono accordi con non più di quattro governi? Salvini cita solo la Tunisia.

M5S, Castaldo: "Abbandono Borrelli fulmine a ciel sereno, è irreperibile anche per noi"

video Con il suo ruolo di vicepresidente del Parlamento Europeo, Fabio Massimo Castaldo è tra le figure più importanti del Movimento 5 Stelle a livello europeo. Eppure nemmeno lui sa spiegare le ragioni per cui il suo collega David Borrelli - tra l'altro braccio destro di Casaleggio nell'associazione Rousseau - ha improvvisamente abbandonato il gruppo del M5S all'Europarlamento. "Siamo tutti perplessi - dice Castaldo -, non ci saremmo mai aspettati una decisione di questo tipo". A chi collega la scelta di Borrelli al caso delle irregolarità nelle restituzioni di parte dello stipendio che ha coinvolto alcuni parlamentari del M5S, Castaldo ribatte: "Non sappiamo se i due fatti hanno attinenza, anche per questo vorremmo avere un chiarimento con lui, ma al momento è irreperibile". di Marco Billeci

"Due anni senza Giulio", Bonini: "Adesso l'Ue si ricordi che era anche un suo cittadino"

video "In due anni di strada ne è stata fatta ma non abbastanza per poter concludere che si è arrivati a una verità completa". Così Carlo Bonini, giornalista di Repubblica, ricostruisce da Fiumicello, paese natale di Giulio Regeni, gli esiti delle indagini sull'omicidio del ricercatore italiano ucciso due anni fa in Egitto. "La famiglia Regeni è tornata a chiedere al Parlamento europeo non un atto di coraggio ma un atto di coerenza: Giulio era un cittadino italiano e del mondo, quindi anche un cittadino europeo. Le istituzioni europee finora si sono dimostrate ciniche e disattente verso una qualsiasi forma di iniziativa. Ma bisogna fare qualcosa perché il regime di Al Sisi conosce soltanto un linguaggio: quello dei rapporti di forza"

Elezioni, Casini candidato Pd: ''Uno di noi. Per votarlo non serve turarsi il naso"

video La probabile candidatura di Pier Ferdinando Casini nel collegio uninominale di Bologna, come espressione dell'alleanza di centrosinistra guidata dal Pd, ha suscitato più di qualche malumore in città e all'interno del partito. Ma molti degli esponenti di spicco la trovano perfettamente coerente con le politiche dei democratici e con le scelte fatte dall'ex presidente della Camera. Per Piero Fassino: "Non bisogna fare l'esame del sangue ai candidati". A giudizio di Gianni Pittella, capogruppo di Socialisti e Democratici al Parlamento europeo "Per votare Casini non serve turarsi il naso".di Francesco Gilioli