Irruzione Skinhead a Como, gli attivisti pro-migranti: ''Paura e incredulità, ma il nostro lavoro prosegue''

video Gli attivisti della rete Como Senza Frontiere raccontano l'irruzione che ha visto il gruppo naziskin 'Veneto Fronte Skinhead' interrompere la riunione del gruppo pro-migranti all'interno del Centro culturale Artificio di Como, con la lettura di un un volantino a mo' di 'proclama' contro le "invasioni da parte dei migranti". "Inizialmente abbiamo avuto paura e stupore per quanto stava accadendo ma successivamente ci è sembrata una situazione surreale - spiega Gian Paolo Rocco, il vicepresidente dell'Arci, presente al momento del blitz - Siamo contenti di come il ministero degli Interni si stia muovendo per fronteggiare con fermezza questo tema. L'irruzione ci ha ricordato prima che il fascismo salisse al potere, non bisogna sottovalutare questi fenomeni liquidandoli come bravate"Video di Edoardo Bianchi

il presidente

article VENEZIA. Il “cadeau” per raggiungere il quorum del referendum sull’autonomia del Veneto, vero ostacolo per dare forza alla trattativa con il governo, è un doppio “santino” con il leone di San Marco,...

di Albino Salmaso

Rifugiati, il sindaco Pd di Forano (Rieti): "Impossibile accoglierne altri. E da Roma nessuno ci ha avvertiti"

video Forano (Rieti) è un paese di 3168 migranti che già ospita 40 migranti (richiedenti asilo politico) e dovrebbe ospitarne altri dopo il caos generato dallo sgombero in piazza Indipendenza a Roma. "Ma nessuno ci ha ancora avvertito, tantomeno il Campidoglio - dice a Radio Capital il sindaco Pd, Marco Cortella - ne sono venuto a conoscenza tramite la stampa. Solo il prefetto di Rieti ha mandato una nota al Ministero degli Interni sottolineando la difficoltà di ospitare altri migranti a Forano: abbiamo scarse risorse e già non riusciamo ad aiutare tutti i nostri cittadini, italiani e non"intervista di Ilaria Iacoboni (Radio Capital)

Capaci 25 anni dopo, primo episodio - Un villaggio sulle macerie

video Nella zona del cratere provocato dal tritolo che 25 anni fa uccise Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli uomini della scorta - Vito Schifani, Rocco Di Cillo e Antonio Montinaro - oggi sorgono decine di ville. Una lottizzazione che nel 2012 è stata segnalata al Ministero degli Interni nel procedimento per lo scioglimento per mafia del comune di Isola delle Femmine, il territorio dove è avvenuta la "strage di Capaci"Un racconto di Attilio BolzoniScritto con Giacomo Di Girolamo ed Emilio Fabio TorselloFilmaker: Maurizio Felicetti, Fabio FalangaImage Editor: Alessandro D'Elia H24Coordinator On Demand: Emilio Fabio Torsello

Roma, Vigili del Fuoco in piazza: "Vogliamo stipendi come quelli degli altri corpi''

video Duemila pompieri da tutta Italia a Roma, in piazza. Elogiati in tragedie come quella di Rigopiano o per i soccorsi dopo il terremoto di Amatrice, chiedono un adeguamento dello stipendio - inferiore di 300 euro rispetto agli altri corpi ricompresi nel Ministero degli Interni - e riconoscimenti pensionistici. "Fino ad oggi - lamentano - non siamo stati tutelati"video di Gianmarco Panucci (H24)montaggio di Alessandro d'Elia