Roma, i soci vip della palestra chiusa. Minzolini: "Toninelli è fissato con gli addominali"

video La Sporting Palace era chiamata la palestra dei vip, perché frequentata soprattutto da politici, come Danilo Toninelli o Walter Veltroni, ma non è servito a impedire che circa 2500 iscritti fossero messi alla porta da un giorno all’altro. Tre comunicati per avvertirli della chiusura imminente, prima solo per ristrutturazione, poi per cessione a un’altra società e infine per cessazione dell’attività. Avvisi che non stati mandati a tutti i soci, tanto che molti hanno appreso la notizia dai giornali mentre altri si sono presentati muniti di borsa e hanno trovato tutto chiuso. Si definiscono "truffati" e hanno creato gruppi su Facebook per organizzarsi e recuperare, almeno in parte, gli abbonamenti andati in fumo: molti erano stati rinnovati il anticipo, proprio su richiesta della palestra, in cambio magari di tariffe più vantaggiose. Tra coloro che hanno perso i loro soldi la ex vicepresidente del senato Valeria Fedeli che si dice "arrabbiata" e propone di costituire una class action. Ha perso solo pochi mesi Augusto Minzolini, che racconta quando in palestra incontrava il ministro Toninelli e si lascia sfuggire una battuta: “Mi dicono che gli piace avere gli addominali scolpiti".VAI ALL'ARTICOLOVideo di Camilla Romana Bruno e Francesco Giovannetti

Pd, Sala sta con Zingaretti: "Giusto tenere il partito unito ma serve supporto di tutti"

video "Ci sono dei momenti in cui è meglio tacere e in questo momento sul Pd soprattutto per quelli come me che sono anche esterni è meglio non commentare se non dire che ho fiducia in quello che sta facendo Zingaretti, che deve provare a tenere unito il Pd con il supporto di tutti". Così il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, a margine della presentazione del libro dell'ex sindaco di Roma e fondatore del Pd, Walter Veltroni, ha commentato le faide interne che hanno colpito il Partito Democratico all'ingresso della libreria Rizzoli di Milano. di Edoardo Bianchi

Walter Veltroni ricorda la piccola martire Anna Pardini e spiega cosa fu la Resistenza

video A Sant'Anna di Stazzema l'intervento dell'ex segretario del Partito democratico. L'omaggio alle vittime e il ricordo della Liberazione: "I partigiani non erano comunisti. Erano democristiani, repubblicani, monarchici, socialisti, azionisti... Poi ci sono stati militari, carabinieri, sacerdoti. La resistenza è stato un moto unitario, non è stato qualcosa di parte" - L'articolo

Walter Veltroni ricorda la piccola martire Anna Pardini e spiega cosa fu la Resistenza

video A Sant'Anna di Stazzema l'intervento dell'ex segretario del Partito democratico. L'omaggio alle vittime e il ricordo della Liberazione: "I partigiani non erano comunisti. Erano democristiani, repubblicani, monarchici, socialisti, azionisti... Poi ci sono stati militari, carabinieri, sacerdoti. La resistenza è stato un moto unitario, non è stato qualcosa di parte" - L'articolo

Walter Veltroni, 'C'è tempo', con Stefano Fresi: "Il mio arcobaleno per uscire dalla paura"

video Il nuovo film di Walter Veltroni, 'C'è tempo', in sala il 7 marzo distribuito e prodotto da Vision e Palomar, racconta di Stefano (Stefano Fresi), quarantenne precario e immaturo, che vive in un paesino di montagna e fa un lavoro bizzarro: l’osservatore di arcobaleni. Alla morte del padre, mai conosciuto, scopre di avere un fratellastro tredicenne, Giovanni, fin troppo adulto per la sua età. Senza alcuna intenzione di prendersene cura, Stefano parte per Roma e ne accetta la tutela solo per ricevere in cambio un generoso lascito. Profondamente diversi, i due intraprendono un viaggio in macchina che, fra diffidenze iniziali e improvvise complicità, si colora a ogni tappa. L’incontro con la cantante Simona (Simona Molinari), in tour con sua figlia, sarà la svolta nel rapporto tra Stefano e Giovanni che, strada facendo, scopriranno quanto essere fratelli possa essere sorprendente, proprio come un arcobaleno a due volte sovrapposte. Intervista di Arianna Finos,montaggio di Leonardo Sorregotti