Previsto, voluto: il conflitto inevitabile

di ROBERTO SPAZZALI Il centenario dell’inizio della Prima guerra mondiale, in un mondo così diverso da quello di allora, o soltanto di vent’anni fa, propone ora un nuovo approccio in cui si può celare l’insidia della banalizzazione, per effetto di una regressiva polverizzazione del sapere.