Alessandro Di Battista contro le Ong: "In Italia il problema non sono le migrazioni"

video "Prima o poi il popolo italiano si accorgerà che il problema non sono le migrazioni. Io sono stato additato come squadrista perché ho detto che un Paese ha diritto di proteggere i confini". È un discorso a 360 gradi sull'immigrazione quello che Alessandro Di Battista, già deputato con il Movimento 5 Stelle, affronta sul palco di piazza Moro, a Polignano. Chiamato dal festival Il Libro possibile per presentare il suo libro Politicamente scorretto nella serata 4 luglio, il pentastellato si avvicina alle tematiche Sovramonte nell'intervista con Franco Bechis, direttore de Il Tempo, e con il comico Pinuccio (Alessio Giannone): "Ho detto più volte - spiega - che il racket dell'immigrazione va fermato, che non mi sta bene il comportamento delle Ong. Sono tematiche che mi stancano e che presto stancheranno anche gli italiani". E punta il dito contro i partiti: "L'immigrazione clandestina è diventata quasi una forma di finanziamento pubblico ai partiti - ha aggiunto - Ci sono personaggi politici che non riuscivano più a campare con i finanziamenti pubblici e si sono interfacciati con altre forme di business. Una di queste, appunto, l'immigrazione clandestina"(di Natale Cassano)da ufficio stampa "Il libro possibile"

Giustizia, Bonafede: "Dimezzare i tempi dei processi. Su trojan e prescrizione non si arretra"

video Nel governo si discute della procedura di infrazione ma anche di giustizia. A Circo Massimo, su Radio Capital, il ministro della Giustizia Bonafede annuncia "un confronto sulla prima bozza della riforma" che punta a dimezzare i tempi dei processi, un percorso che il guadasigilli conta di "chiudere entro la fine dell'anno". La riforma ha l'ok della Lega, che sembra però voler rimettere mano alla nuova norma sulla prescrizione, su cui, assicura Bonafede, "non ci sarà nessuna marcia indietro, abbiamo un accordo". Il ministro 5 stelle poi chiarisce che il governo non arretra di un millimetro sulle intercettazioni e sulla possibilità di utilizzare i trojan (i 'file malevoli' che trasformano i telefonini in microspie ambientali). E non risparmia una stoccata all'amico Alessandro Di Battista: "Ci ha definito 'burocrati chiusi nei ministeri', ha avuto modo di chiarire che non si riferiva a un suo giudizio ma a una percezione che può avere il cittadino. È comunque un'espressione infelice, che non condivido".Intervista di Massimo Giannini e Jean Paul Bellotto

M5S, l'assemblea fiume blinda di Maio: "Senza di lui casca il governo"

video Doveva essere il giorno del processo a Luigi Di Maio. Ma l'assemblea congiunta dei parlamentari del Movimento 5 Stelle, durata circa sei ore e terminata a tarda notte, ha di fatto assolto il capo politico da qualunque accusa. Salvo poche eccezioni, deputati e senatori pentastellati hanno rinnovato la fiducia nel vicepremier. "Di Maio è il M5s", ha affermato il senatore Primo Di Nicola. "Mettere in discussione Di Maio significherebbe non solo fare cadere il governo ma anche l'esistenza del M5S stesso", ha aggiunto il sottosegretario Vincenzo Spadafora. Voce fuori dal coro è quella della deputata Carla Ruocco. "Il M5S deve preservare i propri principi - ha detto - Dobbiamo superare la sindrome dell'uomo solo al comando". All'assemblea era presente anche l'ex deputato Alessandro Di Battista. "È essenziale non mollare e andare avanti - ha spiegato - Dobbiamo pensare a portare a casa dei risultati, perché il bene della nazione è più importante di quello di una singola forza politica". di Francesco Giovannetti

Di Battista difende Fazio: "Programma deve continuare, guadagni il giusto ma no a editti bulgari"

video Tanti i temi affrontati da Alessandro Di Battista, tornato dopo qualche mese di silenzio sulla scena, durante la presentazione del libro "L'arma segreta della Francia in Africa" alla Città dell'Altra Economia di Roma. Tra questi, anche la libertà di stampa e il ruolo dei giornalisti, che, ammonisce, "devono asempre avere la schiena dritta". Non manca di parlare anche della polemica nata tra il vicepremier Salvini e la trasmissione di Fabio Fazio. "Ho sempre detto che Fazio deve continuare a fare la sua trasmissione. La politica non deve mettere bocca. Vorrei che Fazio e Vespa guadagnassero il giusto, senza aggirare il tetto per gli stipendi. Ma gli editti bulgari li fanno gli altri", aggiunge Di Battista che poi però racconta quella volta che opsite di Fazio, il conduttore gli disse di "andarci piano, sai il Paese è felice, è appena finito Sanremo". di Camilla Romana Bruno

Di Battista: "Salvini? Lo vedo nervosetto, cala nei sondaggi e cerca argometi per distrarre"

video Non crede che le elezioni europee potranno rappresentare un problema per il governo giallo-verde l'ex deputato e attivista M5S Alessandro Di Battista, a margine della presentazione di un libro alla Città dell'Altra Economia di Roma. "Mi auguro che questo governo possa durare altri 4 anni. Certo tra noi e la Lega ci sono sempre state tante differenze, ma questa è stata una scelta obbligata perché dall'altra parte c'era o il Pd o Forza Italia", risponde Di Battista ai cronisti che chiedono come questo governo potrà andare avanti visto le continue liti a distanza. E se Salvini tornasse da Berlusconi? "Auguri, chi è causa del suo mal pianga se stesso", risponde Di Battista. di Camilla Romana Bruno

Alessandro Di Battista rompe il silenzio: ''Non mi candido, non voglio fare l'europarlamentare"

video "E' un po' di tempo che non ci vediamo. Io sto bene, anzi benissimo, sto facendo cose molto interessanti". In un video pubblicato su Facebook, Alessandro Di Battista ha spiegato le ragioni del suo silenzio sui social e la decisione di non candidarsi alle prossime elezioni europee. "Ci ho riflettuto e mi sono chiesto: Ti vuoi candidare? La mia risposta è 'no'. Candidarsi è scegliere di mettersi a disposizione della collettività. Io non voglio andare a Bruxelles per fare l'europarlamentare", ha detto Di Battista.  video Alessandro Di Battista / Facebook

Francia, Di Maio rivendica incontro con gilet gialli: "Sono interlocutori politici M5S"

video "Mi dispiace se Macron l'abbia vissuta come una lesa maestà". Il vicepremier e capo politico del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio torna sulla crisi diplomatica tra Italia e Francia che ha visto il richiamo dell'ambasciatore francese a Roma dopo un incontro avuto insieme a Alessandro Di Battista con rappresentanti dei gilet gialli francesi. Secondo Di Maio "l'interlocutore governativo dell'Italia è il governo francese ma è giusto che una forza che non condivide le linee di En Marche abbia la possibilità di parlare con altre forze politiche come la mia". "Il raffreddamento dei francesi su Alitalia - ha aggiunto Di Maio - è antecedente all'episodio del richiamo dell'ambasciatore". di Andrea Lattanzi

Di Maio a Pomigliano: "Sforbiciata agli stipendi tv"

video "E' finita l'epoca in cui in questo Paese si può guadagnare nella tv di Stato 3/3,5 milioni all'anno. Credo sia arrivato il tempo di dare una sforbiciata agli stipendi dei politici e anche a quelli di chi non sono politici ma stanno nelle aziende di Stato". Lo ha detto il vicepremier Luigi Di Maio commentando la proposta avanzata ieri da Alessandro Di Battista sui tagli da applicare a parlamentari e conduttori tv. "Questo è un obiettivo di questa legislatura". dal nostro inviato Dario Del Porto,video di Riccardo Siano

Diciotti, immunità per Salvini? Quando Grillo, Di Maio e i 5s dicevano: "Non la voteremo mai"

video 'Sì' o 'no' all'autorizzazione a procedere nei confronti del ministro dell'Interno e vicepremier Matteo Salvini sul caso Diciotti? Il ministro prima ha detto "Processatemi!", poi ha chiesto ai senatori di votare 'no'. La maggioranza nella Giunta per le immunità del Senato è del Movimento 5 stelle, da sempre avverso all'immunità. Mentre il premier Giuseppe Conte e il vicepremier 5s Luigi Di Maio trasformano il voto del Senato in un voto sul governo, l'outsider Alessandro Di Battista invita l'alleato Salvini a rinunciare all'immunità. Tutto meno che ricordare ciò che da anni i grillini dicono dell'immunità: "Uno scudo per la politica", una "vergogna" che sporca il parlamento facendo degli onorevoli dei privilegiati di fronte alla legge. Vedere il nostro videoblob per ricordare meglio. a cura di Valeria D'Angelo e Giulia Santerini

Battibecco in tv. Di Battista a Fazio: "Non abbia la coda di paglia". La replica: "Se vuole avercela con me non è originale"

video Botta e risposta tra l'esponente grillino, ospite nella puntata di 'Che Tempo che Fa' su Rai1, e il conduttore Fabio Fazio. Alessandro Di Battista sottolinea di essere stato appena considerato 'studioso' di fenomeni sociali: "Addirittura studioso. Ci hanno sempre detto che i grillini non capiscono niente. Siamo stati vittime di pregiudizi". Fazio ha replicato "Sono responsabile di me stesso e del patto con il mio pubblico" Video: www.raiplay.it

Elezioni Ue, Castaldo (M5S): "Alleanza con i Verdi? No, andiamo in direzione diversa"

video Il viaggio di Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista - che hanno percorso in auto i 600 chilometri da Milano al parlamento di Strasburgo - non ha portato significativi avanzamenti nelle formazione delle alleanze del M5S per le prossime elezioni europee. I due non hanno avuto incontri di rilievo e le adesioni al manifesto proposto dal leader 5 Stelle rimangono al momento limitate a formazioni non di primo piano provenienti dalla Croazia, dalla Polonia, dalla Finlandia. L'eurodeputato Fabio Massimo Castaldo - figura di punta del Movimento in Europa - però non si mostra preoccupato: "L'obiettivo è creare un gruppo incisivo e compatto politicamente per essere ago della bilancia del prossimo parlamento". Castaldo però smentisce le indiscrezioni su trattative in corso con partiti appartenenti all'area dei Verdi (a cominciare da quelli tedeschi), che in realtà per primi sembravano aver chiuso la porta in faccia al Movimento, rimarcando la distanza su molti temi. di Marco Billeci

Europee, Di Maio insiste: "Incontreremo gilet gialli". Di Battista: "Capisco diffidenza, farei come loro"

video "Noi abbiamo dato il nostro sostegno ai gilet gialli e se si presenteranno alle elezioni europee ci saremo per il nuovo gruppo, nei prossimi giorni avremo dei contatti con loro e li incontreremo". Così il leader M5S Luigi Di Maio parlando a Strasburgo in vista della campagna elettorale per le elezioni europee. Nonostante le numerose risposte negative arrivate dai capi della protesta transalpina alla mano tesa del Movimento, quindi, Di Maio insiste sull'ipotesi di un'alleanza. E Alessandro Di Battista - presente anche lui a Strasburgo - aggiunge: "Il movimento dei gilet gialli é in divenire, stanno compiendo un processo, ma la loro battaglia é giusta". video di Marco Billeci

Europee 2019, Di Maio a Strasburgo prende distanze dalla Lega: "Loro staranno con sostenitori austerity"

video Dopo un lungo viaggio in minivan dall'Italia, i leader del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista si sono presentati davanti alla sede di Strasburgo del parlamento europeo (dove oggi inizia la sessione plenaria dell'assemblea) per annunciare: "Dopo le elezioni europee chiederemo che questa sede venga chiusa, è una marchetta per la Francia che viene usata solo 40 giorni l'anno, basta quella di Bruxelles". E il primo atto della campagna elettorale per il rinnovo del parlamento Ue che, dice Di Maio, "si baserà anche sul taglio degli sprechi dell'Unione", ma pure sul tentativo di differenziarsi dalla Lega, alleata in ltalia, avversaria a Bruxelles. "L'Europa è un'altra partita", dice Di Battista e Di Maio attacca: "Salvini confluirà in un gruppo con chi sostiene l'austerity e nega la redistribuzione dei migranti, noi creeremo un gruppo della democrazia diretta, dei diritti sociali, della solidarietà del lavoro". Fatto sta che al momento gli accordi stretti dal M5S coinvolgono solo partiti piuttosto marginali nei loro paesi oppure dalle posizioni controverse (come il polacco antiabortista Kukiz), ma Di Maio si mostra tranquillo: "Sui numeri la nostra storia insegna che i sondaggi sbagliano, sui temi se siamo riusciti a scrivere un contratto di governo con la Lega, possiamo scrivere un manifesto con altre forze europee". Video di Marco Billeci

Tav, Di Maio sfida la Lega: "Se analisi-costi benefici è negativa, non si fa". E su ddl cannabis: "E' buona proposta"

video Parlando a margine della sua visita al parlamento europeo di Strasburgo insieme ad Alessandro Di Battista, il leader del Movimento 5 Stelle respinge la tesi dell'alleato di governo leghista secondo cui anche in caso di esito negativo dell'analisi costi-benefici sull'Alta Velocità Torino-Lione, secondo il contratto di governo l'opera andrebbe ridiscussa ma non bloccata. Di Maio parla anche del disegno di legge presentato dal senatore M5S Mantero per la legalizzazione della cannabis e già bocciato da Salvini ("Non é nel contratto, non passerà mai", ha detto il ministro dell'Interno). "E' chiaro che c'è un contratto di governo - dice Di Maio -, ma quella é una buona proposta e nulla vieta che in futuro il contratto possa essere aggiornato".di Marco Billeci

Di Battista e le giravolte del M5S: tutte le promesse non mantenute

video Chiamatele giravolte, o dichiarazioni sfortunate, meglio ancora promesse tradite. Perché così suonano oggi tutti quegli annunci che Alessandro Di Battista, durante l'ultima campagna elettorale, gridava nelle piazze o postava in video indirizzati al Movimento. Dallo stop agli aiuti statali alle banche alla chiusura dell'Ilva, dal rifiuto di allearsi con la Lega al blocco del progetto Tap, ecco tutto quello che Dibba ha promesso ai suoi elettori. E puntualmente non si è avverato. di Valeria Teodonio e Fabio Tonaccimontaggio di Leonardo Sorregotti