"Quattro passi dopo e ferie" in duemila a Legnaro i padovani nella "Zuccarun"

PADOVA. Pienone domenica mattina a Legnaro per la 42/a edizione della "Quattro passi dopo e ferie". Classico appuntamento settembrino dei calendari provinciali Marciapadova e Fiasp promosso dal gruppo Podisti Legnaresi. I circa 2.000 partecipanti (800 i singoli) sono partiti alle ore 8 dal piazzale del Municipio e si sono immersi, con i tre percorsi di km 6, 12 e 18 nella campagna di Legnaro e Polverara. Molto apprezzati i tradizionali passaggi dalla tenuta di Agripolis e dalla fattoria Modenese dove gli organizzatori aveva piazzato il "ristoro abusivo" con polenta fritta e baccalà e salsicce ai ferri. La temperatura tutto sommato ideale ha spinto la maggior parte degli iscritti a scegliere le due distanze maggiori. Ben 61 i gruppi podistici in classifica, alcuni provenienti anche da fuori provincia. Sul gradino più alto del podio per numero di iscritti è salito il Coca Cola di Ponte San Nicolò (51 iscritti) seguito nell'ordine dal Boomerang Runners (46) e dal Rain Runner di Piove di Sacco (45). «È stata una riuscita mattinata di festa e di sport in mezzo al verde, dove tutto ha funzionato per il verso giusto», commenta Giorgio Venturini del comitato organizzatore.Zuccarun. Dominio padovano alla 4/a edizione della competitiva Zuccarun che si è corsa a Ghizzole di Montegaldella (Vicenza). A dominare la cosa di Km 13, 6 chilometri organizzata dall'Atletico Bastia Us Acli è stato il portacolori della Spak4 Padova, Matteo Picello con il tempo di 46'24". Ottima la prova anche di Federico Valandro dei Podisti Monselicensi, secondo a 23" dal vincitore. Terzo Diego Avon della Tornado (47'07"), quarto Vitaliy Maslovaty del Cus Padova (48'27"9 e quinto Diego Gaspari della Gabbi Bologna (48'56"). In campo femminile il successo è andato alla vicentina Rebecca Lonedo che ha tagliato il traguardo in 50'13". Seconda l'inossidabile Giovanna Ricotta (54'552), terza Maurizia Cunico dell'Atletica Casone Noceto (56'17"). La gara è stata organizzata in occasione della Festa della Zucca di Ghizzole. --Gianni Biasetto